Arte

Qual è stato il disco peggio registrato di sempre?

Le leggende che accompagnano i dischi registrati peggio della storia del rock.

Sono diversi i dischi famosi per la loro pessima qualità di registrazione, tanto che a volte - forse per giustificare le imprecisioni tecniche - sono nate curiose leggende.

È il caso dell’album Nattens Madrigal degli Ulver, gruppo norvegese, inciso nel 1997. Secondo alcune voci, la band metal registrò il disco in una foresta, solo con un registratore a quattro tracce e un amplificatore, dopo aver speso per un’automobile tutti i soldi del nuovo contratto con la Century Media. Il cantante del gruppo, Kristoffer Rygg, ha smentito questa storia, forse fatta circolare ad arte dalla casa discografica.

Con il walkman. Da ricordare anche The Texas Campfire Tapes di Michelle Shocked. L’album fu registrato da un giornalista inglese, Pete Lawrence, con un semplice walkman Sony a pile, su una comune cassetta, durante l’esibizione della cantante a un festival folk in Texas nel 1986. Con tanto di grilli, gente che parla e tir che passano sull’autostrada in lontananza.

Famoso anche il caso della canzone Louie Louie degli americani Kingsmen, un gruppo rock. Il brano - noto ai più perché inserito nella colonna sonora di Animal House, fu registrato nel ’63 con un unico microfono appeso al soffitto nel centro della sala di incisione, la band in cerchio e il cantante in mezzo, ma un po’ lontano dal microfono. Risultato: musicisti fuori tempo e un testo in parte incomprensibile.

Malgrado ciò, vendette oltre un milione di copie in tutto il mondo. Con l’ipotesi che contenesse doppi sensi di natura sessuale, il governatore dell’Indiana vietò la canzone alle radio e l’Fbi aprì un’inchiesta per eventuali contenuti scabrosi, poi archiviata per mancanza di prove.

26 dicembre 2017
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us