Arte

Post-alluvione: per quanto tempo dovranno rimanere congelati i libri antichi salvati in Emilia Romagna?

L'alluvione in Emilia Romagna ha anche sommerso di fango libri antichi che sono stati congelati per prevenire la formazione di funghi. Un esperto ci spiega come si procederà al recupero.

I danni provocati dall'alluvione che ha colpito l'Emilia Romagna i primi di maggio sono ingenti e investono diversi settori: da quelli più lampanti a case e automobili, alle tristi morti di maiali e polli negli allevamenti intensivi, ai danni al nostro patrimonio culturale e artistico.

È proprio per cercare di mettere in salvo libri antichi impregnati di acqua e fango che si è messa in moto una catena di solidarietà che mira a congelare (letteralmente) i danni potenziali di funghi e batteri in attesa di un restauro completo. A dare una mano, diverse aziende del settore surgelati − la prima Orogel, che ha messo a disposizione il suo stabilimento di Pievesestina, una frazione a quattro chilometri da Cesena risparmiata dall'alluvione, per conservare i tomi a -25 °C fino quando sarà necessario.

Per capirne di più su come si sta lavorando abbiamo parlato con Pietro Livi, fondatore dell'azienda Frati & Livi che si occupa di tutelare e conservare il patrimonio librario in situazioni ordinarie e di emergenza, attualmente al lavoro per recuperare i libri antichi danneggiati dalle piogge e dal fango.

NON SOLO Umidità. I libri provengono principalmente dall'archivio comunale e dal seminterrato del seminario diocesano di Forlì, dove tre chilometri lineari di volumi, antichi e moderni, sono stati sommersi.

Abbiamo chiesto a Pietro Livi per quanto tempo sono rimasti sotto l'acqua e il fango? «Dipende: i primi sono usciti dall'acqua e dal fango nelle prime 48 ore, gli ultimi dobbiamo ancora recuperarli», ci ha spiegato. Ma perché ci stiamo mettendo così tanto? «Le ragioni derivano dalla quantità di materiale che è finito sott'acqua, dal fatto che si tratta non solo di acqua ma di tantissimo fango, nonché dalla potenza con cui l'acqua ha devastato gli ambienti di conservazione: i libri non sono rimasti sugli scaffali, ma sono caduti a terra in maniera confusionaria e spesso le strutture che li contenevano sono collassate su di essi. Dobbiamo quindi recuperarli dal fango, e le difficoltà sono molte».

I rischi più grandi non sono infatti quelli dell'umidità: i libri, le pergamene e il cuoio sono particolarmente deteriorabili. In 48 ore si sviluppano i funghi e il materiale è compromesso. Se si trattasse solo di umidità basterebbe asciugarli, ma in questo caso c'è bisogno di trattamenti particolari.

Funghi congelati. Il congelamento ha lo scopo di arrestare lo sviluppo fungino fino al momento del restauro: «Bisogna fare in fretta perché la carta bagnata, specie con le temperature ormai alte di questo periodo, diventa terreno molto fertile per la proliferazione di funghi e batteri», ci spiega l'esperto.

«In questo senso, per assurdo, più il materiale rimane sott'acqua e sotto il fango, più lo si protegge dal contatto con l'aria e conseguentemente dalla velocità con cui funghi e batteri contaminano tutto l'ambiente, materiale librario compreso».

Un processo lungo. Al momento non siamo in grado di stabilire per quanto tempo i libri dovranno rimanere congelati, ma sicuramente sarà un periodo lungo, specie per i libri più antichi per i quali sarà necessaria una fase di progettazione e una fase amministrativa.

«Una volta scongelati, i libri dovranno essere asciugati, puliti dal fango e riconsegnati ai legittimi proprietari», spiega Livi. «L'asciugatura verrà effettuata tramite il processo di liofilizzazione, più performante e tutto sommato anche più economico. Il restauro sarà dunque lungo e difficile, considerato che per alcuni libri è ancora in corso dall'alluvione di Firenze del 1966. I primi libri a essere recuperati sono stati quelli di maggior valore culturale, storico e artistico, alcuni risalenti addirittura al '400».

24 giugno 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us