Arte

Perché si dà il "La" e non, per esempio, il "Do"?

Le spiegazioni sono varie. Il La era una nota base nel sistema modale, in uso in Europa sin dai tempi dell’Antica Grecia e rimasto in vigore fino all’adozione dell’attuale sistema tonale. Nei Paesi tedeschi, anglosassoni e slavi, in cui le note sono indicate con le lettere, l’enumerazione parte dal La, indicato con la A. Inoltre il La di diapason, che corrisponde al La della terza ottava del pianoforte, ha un’altezza riproducibile da tutti gli strumenti e voci umane.
(Le emozioni suscitate dalla musica sono universali? Partecipa all'esperimento)

Intervalli sonori
Nel sistema modale, le note delle diverse scale erano poste a intervalli variabili, mentre oggi sono poste a intervalli “temperati”, cioè equidistanti, in tutte le tonalità. Nella musica classica moderna “sopravvivono” solo due modi: il maggiore, che ha come riferimento principale la scala naturale di Do, e il minore che ha come riferimento proprio la scala naturale di La.
(Sgrunf, ronf, crock, etcì, slurp, burp, prott: tutti i suoni del nostro corpo)

Si dice così
L’espressione “dare il La” deriva dall’usanza di intonare gli strumenti di un insieme ARTIle usando questa nota. Dopo, si può cominciare l’esecuzione: la frase ha assunto così il significato metaforico di “dare il via”. Dal punto di vista scientifico, il La di diapason è un’onda sonora con una frequenza prestabilita, che si ottiene facendo vibrare un’apposita forcella di metallo.

Da dove vengono i nomi delle note musicali? Come viene riprodotto il disco di vinile? Questo e altro tra le domande e risposte sulla musica

19 marzo 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us