Arte

La galleria di Palazzo Spada a Roma cela una grande illusione ottica

Una galleria lunga 8 metri, ma percepita dall'occhio umano con una lunghezza di circa 35: è l'ardito gioco prospettico che si trova nel giardino di Palazzo Spada a Roma.

Palazzo Spada, originariamente costruito nel 1540 per volere del cardinale Girolamo Capodiferro, fu successivamente acquistato dal cardinale Bernardino Spada, nel 1632, il quale incaricò Francesco Borromini di modificarlo secondo il nuovo gusto dell'epoca.

Con il matematico. Francesco Borromini (1599-1667), architetto e scultore del Barocco romano, non fu infatti solo un ideatore di chiese dalle forme innovative, ma fu capace di creare spazi davvero sorprendenti. Tra i vari lavori che compì nel Palazzo, intervenne su un passaggio posto tra due cortili, realizzando quello che è diventato il gioiello della residenza, ovvero la celebre galleria prospettica. Realizzata in un solo anno, tra il 1652 e il 1653, con l'aiuto del matematico agostiniano Padre Giovanni Maria da Bitonto, è una pura illusione ottica, testimonianza del raffinato e colto interesse del committente.

Ma come fu realizzata? Borromini progettò una galleria fiancheggiata da colonne e coperta da una volta a botte, la cui lunghezza reale è poco più lunga di otto metri ma che, osservandola dall'ingresso, appare profonda più di trenta metri. Il pavimento è realizzato in salita, le pareti e i piani del colonnato - invece di procedere parallelamente - confluiscono in un unico punto di fuga ed il soffitto è in discesa: si tratta della cosiddetta "prospettiva accelerata".

L'altezza della statua. La convergenza, infatti, riproduce in uno spazio molto minore quello che invece sarebbe dovuto essere un corridoio quattro volte più lungo. Oltretutto, in origine, il muro di fondo era dipinto con una finta vegetazione in trompe l'oeil, ma nel 1861 venne sostituita da una statuetta di guerriero romano - oggi riprodotta in calco - che diviene visivamente il punto di fuga dell'intera opera. Arrivando in fondo si scopre che, tale statua, la quale dall'ingresso appare come una figura a grandezza naturale, è alta in realtà solo sessanta centimetri.

Questa illusione ottica non venne però progettata come semplice gioco per sbalordire gli ospiti del cardinale, ma l'illusione era da leggersi anche in chiave simbolica, come metafora di un mondo terreno fallace, fatto di valori che sono grandi in apparenza ma piccoli su questa terra. 

Quadreria palazzo Spada
Interno di Palazzo Spada, Roma, particolare della quadreria / CC BY-NC-ND 2.0 © dvdbramhall / Flickr

La quadreria. Oggi il Palazzo ospita al suo interno la quadreria familiare (sopra), mirabile esempio di collezionismo del Seicento e del Settecento. La disposizione delle tele segue ancora il gusto antico: sono appese una accanto all'altra, in modo fitto e continuativo, fino a rivestire interamente le pareti, in base alla dimensione. L'idea fu quella di circondarsi di capolavori dei maggiori artisti contemporanei e del più recente passato, ostentando un raffinato amore per l'arte.

Per approfondire: 

- Urciuoli S., Palazzo Spada, De Luca Editori, 2017 

- Portoghesi P., Francesco Borromini. La vita e le opere, Skira, 2019

- Capriotti A., Roca De Amicis A., La prospettiva di Palazzo Spada, Artemide, 2022

3 febbraio 2023 Giovanna Benedetta Puggioni
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us