Oscar 2016, niente migliori attori neri

Per il secondo anno di fila. Statistiche alla mano, gli Academy Awards sono realmente rappresentativi della totalità della "popolazione" di Hollywood?

con_h_24.3274693_web
Samuel L. Jackson in The Hateful Eight. | Weinstein Company/Courtesy Everett Collection/Contrasto

Per il secondo anno di fila la Notte degli Oscar andrà in scena con alcuni grandi assenti: come nel 2015, nessun attore o attrice di colore figura tra i nominati al titolo di Miglior attore o Migliore attrice (in tutto ne sono stati nominati 20, tra migliori attori protagonisti e non protagonisti).

 

Proteste virali. Su Twitter è ritornato a circolare l'hashtag #OscarsSoWhite ("gli Oscar sono così bianchi") con l'invito a boicottare la cerimonia; e mentre i bianchi costituiscono il 77,7 % della popolazione americana (dati 2013) dal 2000 ad oggi è andato ad attori e attrici bianche l'86,9% delle statuette più ambite.

 

Un'infografica con le percentuali di nomination non bianche per decennio, e quelle dei vincitori nelle tre più ambite categorie. | Statista.com

Chi sceglie è bianco... Da che cosa dipende? Gli attori neri potrebbero essere male o poco rappresentati o - più probabilmente - le scelte dipendono da una giuria, quella degli Academy, per il 94% bianca. Anche se dal 1970 al 2010 le nomination di attori non bianchi sono aumentate, non hanno mai oltrepassato il 15% del totale. In tutta la storia degli Oscar, i divi non bianchi hanno vinto il titolo di Miglior attore solo 6 volte su 87; mentre Halle Berry è l'unica donna di colore a essersi aggiudicata il premio come Miglior attrice (nel 2002, per Monster's Ball - L'ombra della vita).

 

... E uomo. Tra gli Oscar più ambiti, i meno razzisti sono stati comunque quelli per il miglior attore (con il 6,5% di nomination non bianche); forse, perché la giuria degli Academy è anche per il 76% composta da uomini. Il decennio del 2010 è stato invece il migliore per i registi non bianchi, con il 13,3% di nominati di colore e il trionfo di Alejandro G. Iñárritu, regista di Birdman, lo scorso anno.

 

Perché andiamo al cinema? Perché certi film ci coinvolgono più di altri? Perché alcune scene ci commuovono anche se le abbiamo viste e riviste? A queste domande possono rispondere l'estetica e la teoria del cinema, ma anche le neuroscienze. E si scopre così che se un film ci emoziona è una questione di tecnica... e di neuroni. Ve lo spieghiamo su Focus 281, in edicola fino al 21 marzo 2016 (scopri l'anteprima). Focus è anche su iOS, Android, Amazon, Zinio (web). E per non perderti nessun numero abbonati qui. |
27 febbraio 2016 | Elisabetta Intini