Arte

Per la sua arte Escher si ispirava alla matematica (eppure non l'amava)

L'artista olandese Maurits Cornelis Escher realizzò opere "impossibili", ispirandosi alla matematica. Eppure non aveva un grande talento per la materia...

Maurits Cornelis Escher è stato un artista olandese in grado di affascinare il mondo grazie alla produzione di opere raffiguranti prevalentemente geometrie impossibili da riprodurre nella realtà. Il fatto più sorprendente, però, è che nonostante i suoi capolavori siano tutti basati su complessi rami della matematica (come le tessellazioni, che producono motivi grafici ripetibili all'infinito, o le rappresentazioni dell'iperpiano infinito su una superficie curva), Escher non sembrava avere una particolare predisposizione naturale per le materie scientifiche. 

A rivelarlo è Doris Schattschneider, docente emerita di geometria al Moravian College in Pennsylvania, che racconta come l'artista non andò mai oltre le scuole superiori, dove tra l'altro venne respinto alla maturità. 

Riproduzione di una tessellazione escheriana sulla facciata del museo Escher a L'Aia
Riproduzione di una tessellazione escheriana sulla facciata del museo Escher a L'Aia (CC BY-SA 3.0) © Wikimedia / Bouwe Brouwer

Il suo interesse per le forme geometriche nacque, invece, durante un viaggio nel 1922 a Granada, dove visitò lo storico sito islamico dell'Alhambra. Qui, poté osservare le ripetitive piastrelle del pavimento e ne fu ispirato per creare disegni con tessellazioni, utilizzando però forme riconoscibili e mutevoli. Escher trascorse anni a sviluppare da autodidatta le sue conoscenze, mettendo a punto una sorta di teoria profana di come le forme potessero adattarsi a modelli già noti.

Giochi di cerchi. A dargli una mano fu H.S.M. Coxeter, professore di matematica all'Università di Toronto che, visto il suo lavoro, consegnò al giovane un disegno capace di spronarlo a catturare l'infinito in un cerchio, congegnando un'inedita griglia. Essa consisteva nel tracciare arcate circolari intersecanti, ognuna delle quali doveva incontrare il cerchio esterno ad un angolo di 90 gradi. Grazie a questo schema, il disegnatore giunse alla formulazione di tre bellissime tessellazioni iperboliche utilizzando il modello del disco di Poincaré.

Escher sperimentò anche prospettive irreali, rappresentando edifici da angolazioni insolite e ponendosi spesso la domanda: "Perché un soffitto non potrebbe diventare un pavimento?". La sua arte subì un cambiamento dopo il trasferimento dall'Italia, dove si era stabilito, prima in Svizzera e poi nei Paesi Bassi per sfuggire al clima politico del regime fascista.

Intreccio. Nel suo Paese disegnò paesaggi e architetture idealizzate, concentrandosi su forme complesse come poliedri, nastri di Möbius e nodi. Con il suo lavoro, Escher ha dimostrato come arte e matematica possano intrecciarsi in modo incredibile, pur non avendo una formazione accademica. La sua genialità consisteva nella capacità di tradurre il mondo matematico in opere affascinanti, ridisegnando in maniera singolare, i confini della percezione e dell'immaginazione umana.

20 agosto 2023 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us