I grandi fotografi internazionali e l'Italia

L’Italia vista da Henri Cartier-Bresson (e tanti altri grandi maestri della fotografia)

henricartier-bressonfirenze1933stevemccurryveneziadavidseymourroma1955.bernardberensonosservalastatuadipaolinaborghesediantoniocanovaallagalleriaborghesediromamartinparrcostieraamalfitana2014henricartier-bressonlivorno1933irenekunglacittinvisibileduomomilano2010-1012joelmeyerowitzemaggiebarretttoscana2002sebastiaosalgadotrapani1991williamklein_roma1956abelardomorellsanmarcovenezia2006-2009copertinahcbcartonatoApprofondimenti
henricartier-bressonfirenze1933

Se siete a Milano in un qualsiasi giorno dall’11 novembre al 7 febbraio 2016 potete visitare una mostra molto interessante. Si chiama Henri Cartier-Bresson e gli altri – I Grandi fotografi e l’Italia e la trovate al Palazzo della Ragione Fotografia.
È appassionante per almeno due motivi: primo perché l'Italia degli ultimi 80 anni viene raccontata attraverso il lavoro dei più famosi fotografi internazionali, da Cartier-Bresson a Salgado, da Newton a McCurry; e poi perché lungo la mostra si sviluppa una storia indiretta della fotografia e dell’evoluzione dei suoi linguaggi. Questa che segue è una piccola anticipazione delle fotografie in mostra. Nella foto qui sopra:
Henri Cartier-Bresson, Firenze, 1933

stevemccurryvenezia

Steve McCurry, Gondole in un canale. Venezia, marzo 2011

davidseymourroma1955.bernardberensonosservalastatuadipaolinaborghesediantoniocanovaallagalleriaborghesediroma

David “Chim” Seymour, Bernard Berenson osserva la statua di Paolina Borghese di Antonio Canova alla Galleria Borghese di Roma. Roma, 1955

martinparrcostieraamalfitana2014

Martin Parr, Costiera Amalfitana, 2014

henricartier-bressonlivorno1933

Henri Cartier-Bresson, Livorno, 1933

irenekunglacittinvisibileduomomilano2010-1012

Irene Kung, Duomo. Milano, 2012

joelmeyerowitzemaggiebarretttoscana2002

Joel Meyerowitz, Cipressi, mattina presto. Toscana, 2002

sebastiaosalgadotrapani1991

Sebastião Salgado, Gli equipaggi, condotti dal rais, si radunano all’alba per dare inizio alla mattanza. Trapani, 1991

williamklein_roma1956

William Klein, Guardiano di Cinecittà. Roma, 1956

abelardomorellsanmarcovenezia2006-2009

Abelardo Morell, San Marco. Venezia, 2007

copertinahcbcartonato

Il catalogo della mostra, pubblicato in coedizione da GAmm Giunti e Contrasto, documenta il percorso curatoriale con il quale Giovanna Calvenzi ha scandito l’omonima mostra.
Il volume intende raccontare l’Italia vista dall’occhio dei maggiori fotografi internazionali, attraverso sette grandi aree tematiche che diventano così una sorta di vera e propria storia della fotografia e dell’evoluzione dei suoi linguaggi. Un percorso che parte da Henri Cartier-Bresson, indiscusso maestro, soffermandosi sugli sguardi e le interpretazioni di oltre 30 grandi fotografi internazionali, conducendo fino ai nostri giorni, accompagnati dalle parole stesse dei fotografi a introdurre se stessi e da una serie di suggestioni letterarie che dimostrano come l’Italia sia e rimanga un luogo immancabile di incontro e riflessione.
Il volume si configura come l’ideale completamento del catalogo della mostra “Italia Inside Out. I fotografi italiani” (Milano, Palazzo della Ragione, 21 marzo-2 agosto 2015).

Se siete a Milano in un qualsiasi giorno dall’11 novembre al 7 febbraio 2016 potete visitare una mostra molto interessante. Si chiama Henri Cartier-Bresson e gli altri – I Grandi fotografi e l’Italia e la trovate al Palazzo della Ragione Fotografia.
È appassionante per almeno due motivi: primo perché l'Italia degli ultimi 80 anni viene raccontata attraverso il lavoro dei più famosi fotografi internazionali, da Cartier-Bresson a Salgado, da Newton a McCurry; e poi perché lungo la mostra si sviluppa una storia indiretta della fotografia e dell’evoluzione dei suoi linguaggi. Questa che segue è una piccola anticipazione delle fotografie in mostra. Nella foto qui sopra:
Henri Cartier-Bresson, Firenze, 1933