Arte

L'algoritmo che giudica le opere d'arte

Dimenticatevi le lunghe dispute al museo: ora a valutare l'intensità di un dipinto ci pensa il computer. Un codice analizza diversi parametri dei dipinti e genera una classifica della creatività.

Può un computer capire e apprezzare la bellezza di un'opera d'arte? Due ricercatori del dipartimento di Computer Science della Rutgers University (New Jersey), fiduciosi in una risposta affermativa, hanno elaborato un algoritmo in grado di esprimere giudizi "critici" sulla pittura, come spiegano in uno studio pubblicato su Arxiv.

Lo stesso insieme di istruzioni è anche servito per stilare una classifica di quelle che - per i parametri dell'algoritmo - sono le opere più creative di tutti i tempi (le potete ammirare nella gallery qui sotto).

che cosa giudica? L'algoritmo sviluppato da Ahmed Elgammal e Babak Saleh, è in grado di interpretare le immagini artistiche, una competenza da sempre considerata appannaggio dell'uomo. Più che giudicarne la "bellezza" in senso proprio (ammesso che esista una formula per imbrigliare un concetto tanto complesso), il codice quantifica la creatività, definita dagli autori dello studio come «l'originalità del prodotto e la sua capacità di influenzare altri artisti».

Gli scienziati della Rutgers hanno compilato il codice in modo che analizzi una serie di parametri misurabili dei dipinti, come la naturalezza delle forme, la verosimiglianza delle scene, la vividezza di colori e la complessità della trama, oltre che la loro rilevanza nel contesto storico in cui sono stati prodotti.

I risultati. I criteri interpretativi della macchina si basano quindi su migliaia di informazioni collegate a questi dettagli tecnici, che sono stati valutati in 62 mila opere d'arte (la maggior parte attinte dal sito Wikiart), confrontate l'una con l'altra nell'arco dei secoli. Questa mole di dati permette all'algoritmo di tracciare connessioni fra i dipinti, elaborando una creativity implication network, una rete della creatività, basata sulle caratteristiche artistiche intrinseche dei capolavori e su confronti in scala temporale.

Ne risulta una scala alla base della quale si trovano i dipinti meno creativi, a salire fino a quelli più creativi. Fra i più rilevanti evidenziati nel paper della Rutgers troviamo alcuni quadri considerati capolavori indiscussi, come L'urlo di Edvard Munch, Bananas and Grapefruit no. 1 di Roy Lichtenstein, San Giovanni Battista disteso di Caravaggio.

Ce n'era bisogno? Inutile dire che si tratta di una ricerca dalla natura controversa. Lo ammettono gli autori stessi, che se da un lato esaltano il loro lavoro che, dicono, potrà essere utilizzato anche in altri campi (musica, letteratura), dall'altro sottolineano che il suo limite è l'impossibilità di confermare o confutare i risultati: sono solo dati generati da una macchina.

In ogni caso, oltre al pubblico e ai critici di professione, ora a valutare un'opera d'arte ci si metteranno anche i computer.

15 giugno 2015 filippo ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us