Arte

La musica della Terra

Due spettacoli dell'Orchestra Sinfonica di Milano celebrano la natura e la biodiversità. E per i lettori di Focus, l'ingresso è scontato (in tutti i sensi).

Quando la musica incontra la scienza, l'arte abbraccia la coscienza collettiva in una danza di note e riflessioni che trascende i confini del convenzionale. Questo aprile, l'Auditorium di Milano ospita due eventi eccezionali che fanno proprio questo, giocando con le corde del cuore e della mente in egual misura. Ad affiancare l'Orchestra Sinfonica di Milano ci saranno musicisti come la Banda Osiris e scienziati come Telmo Pievani e Luca Mercalli. Ma andiamo con ordine.

Grande Terra: Una Sinfonia per il Pianeta

Il primo appuntamento è con "Grande Terra: Viaggio musicale nella biodiversità", un evento della rassegna "Crescendo in musica" dedicata ai più piccoli.

Sabato 6 aprile alle ore 16 saliranno sul palco la Banda Osiris, il dissacrante quartetto formato da Sandro Berti (mandolino, chitarra, violino, trombone), Gianluigi Carlone (voce, sax, flauto) e Roberto Carlone (trombone, basso, tastiere), Giancarlo Macrì (percussioni, batteria, bassotuba), al fianco di Telmo Pievani, evoluzionista e divulgatore scientifico, che ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche presso il Dipartimento di Biologia dell'Università di Padova, dove insegna anche Bioetica e Divulgazione naturalistica.

Il divertimento e lo svago assumono una connotazione didattica trasformando lo spettacolo in una preziosa occasione per riflettere sul nostro rapporto col mondo naturale e con la realtà che ci circonda (e di cui troppo poco spesso ci sentiamo far parte). Attraverso la reinterpretazione ironica di classici come "Il volo del calabrone" e "L'anno che verrà", trasformato in "L'anguilla che verrà", la performance diventa un veicolo di riflessione sulla biodiversità e sulla nostra responsabilità collettiva nei confronti del Pianeta.

GRANDE TERRA. VIAGGIO MUSICALE NELLA BIODIVERSITÀSabato 6 aprile 2024 - ore 16

La promozione per i lettori di Focus è la seguente: Biglietto unico €13 – per tutti gli under 14 biglietto unico €8. Per fruirne occorre scrivere a marketing@sinfonicadimilano.org, specificando nell'oggetto della mail: FOCUS

 

Le Quattro Stagioni incerte: Note di un Clima che Cambia

Il secondo appuntamento è per sabato 20 aprile alle ore 18 insieme a Luca Mercalli, meteorologo che affronta in Auditorium la delicata tematica del cambiamento climatico. Lo spettacolo in programma fa parte di Musica & Scienza, rassegna unica nel suo genere, un tratto distintivo dello spirito di divulgazione dell'Orchestra Sinfonica di Milano.

A colloquio con Luca Mercalli, l'Orchestra Sinfonica di Milano guidata da Ruben Jais si cimenterà in una partitura speciale delle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi chiamata The [uncertain] Four Seasons (Le quattro stagioni incerte).

Praticamente, una ricomposizione algoritmica de "Le Quattro Stagioni" di Vivaldi, sviluppata da compositori, musicisti, climatologi e informatici utilizzando previsioni climatiche geospaziali per il 2050. 

Nel 1725, Vivaldi compose Le quattro stagioni che diedero espressione musicale al passare delle stagioni nell'Europa dell'era preindustriale. Nei 300 anni trascorsi da allora, l'ambiente che ha ispirato Vivaldi è cambiato radicalmente. Gli scienziati prevedono che se non verrà fatto alcuno sforzo per ridurre le emissioni di gas serra, il clima della Terra sarà cambiato in modo irriconoscibile.

Per descrivere come potrebbe essere un mondo futuro, sono state ripensate Le Quattro Stagioni di Vivaldi utilizzando modelli climatici localizzati per il 2050. Quella che verrà suonata all'Auditorium è stata "composta" sulla base del clima di Milano del 2050.

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO - Sabato 20 aprile 2024 - ore 18

La promozione per i lettori di Focus è la seguente: Biglietto unico €15. Per fruirne occorre scrivere a marketing@sinfonicadimilano.org, specificando nell'oggetto della mail: FOCUS

27 marzo 2024
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us