Arte

La morte di Hans Giger, il "padre" di Alien

L'artista svizzero Hans Ruedi Giger, nato nel 1940, è morto in seguito a una caduta. Nota per i toni cupi della sua produzione, è famoso perché ha inventato il personaggio di Alien.

È morto ieri, in seguito alle conseguenze di una caduta, l'artista svizzero Hans Rudolph Giger, nato a Coira (Svizzera) nel 1940. Giger è stato pittore, grafico, scultore, disegnatore e esperto di effetti speciali; noto soprattutto per la sua partecipazione al film Alien di Ridley Scott (1979), di cui Giger ha inventato il protagonista principale (vedi video a fine notizia).

Alien infatti non è solo il mostro che cerca di invadere i corpi dell'equipaggio dell'astronave "Nostromo", ma un essere dalla biologia complessa, un parassita metà organico metà minerale. Giger ne ha disegnato tutto il possibile ciclo di vita, dalla deposizione delle uova all'invasione di un corpo organico all'uscita del "piccolo".

L'opera di Hans Rudolph Giger
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Vita biomeccanica
Oltre ad Alien, Giger ha disegnato anche arredamenti per interni, sedie, bar e copertine di dischi (Brain salad surgery, di ELP). Ha partecipato, sia pure molto indirettamente, anche a un altro film di fantascienza, Dune di David Linch. Quest'ultimo infatti, in alcuni punti, si ispira a schizzi di Giger per un (abortito) Dune del regista cileno Alejandro Jodorowsky.

Horror e biologia
Giger è famoso per ispirarsi all'opera dello scrittore americano H.P. Lovecraft e infondere nelle sue creazioni, temi a metà tra la biologia e la meccanica, costruendo quindi esseri "viventi" dotati anche di parti meccaniche che permettono loro la sopravvivenza in ambienti estremi, come lo spazio.

Dietro le quinte di Alien


Ti potrebbero interessare

Qual è il miglior film di fantascienza?

13 maggio 2014 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us