La Biennale delle vanità

rtx104vg
|© REUTERS/Stefano Rellandini
Sembra pronta a sferrare il suo attacco fatale l'aquila dell'installazione “The Sandringham estate, Norfolk, Uk” esposta alla Biennale di Venezia e realizzata dall'artista inglese Jeremy Deller.
La mostra, giunta quest'anno alla sua 55° edizione, racchiude un caleidoscopio composto dalle creazioni di oltre 150 interpreti dell'arte contemporanea, per un totale di 88 padiglioni nazionali, tra cui spiccano 10 Paesi "esordienti" come la Città del Vaticano, senza contare la miriade di mostre, performance, eventi e installazioni che punteggiano la città lagunare e l'entroterra. Eppure tra le opere esposte non esiste un unico filo conduttore, per espressa volontà del curatore, Massimo Gioni, che ha invece invitato gli artisti a sognare e riappropriarsi dell'utopia.
La Biennale sarà aperta fino al 24 novembre 2013 presso i Giardini, all'Arsenale e in altre location veneziane.

Che arte è mai questa? I segreti per leggere le opere d'arte contemporanea.
24 Giugno 2013 | Rebecca Mantovani