Arte

La Battaglia di Anghiari c'è! Ce lo dice la Gioconda

La Battaglia di Anghiari di Leonardo da Vinci è nel salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio a Firenze. Ed è nascosta dall'affresco di Vasari "La battaglia di Marciano". La prova è nel nero, il più importante dei frammenti rinvenuti dal lavoro della equipe guidata da Maurizio Seracini. Le analisi sul campione mostrano che ha una composizione chimica simile a quella del pigmento nero trovato nella patina bruna della Gioconda e del San Giovanni Battista di Leonardo

Le ricerche condotte da Maurizio Saracini alla fine dello scorso anno all'interno di Palazzo Vecchio, a Firenze, sembrano confermare che dietro l'affresco La Battaglia di Marciano di Giorgio Vasari, nel Salone dei Cinquecento, si cela affettivamente un dipinto di Leonardo da Vinci. La prova? Arriva dalla Gioconda.

Pigmenti

Il più importante dei frammenti rinvenuti dal lavoro della equipe di Seracini dietro il dipinto vasariano è stato analizzato con un microscopio elettronico a scansione: ed è risultato praticamente identico al pigmento usato nella patina bruna della Gioconda e del San Giovanni Battista. Si tratta di un nero realizzato con Terra d'ombra (un pigmento inorganico detto anche Terra d'Umbria) e manganese miscelati con ferro. Ma il rapporto con il ferro è "anomalo". Si tratta di un unicum leonardesco, quasi una firma del genio toscano, utilizzato anche per dipingere la Gioconda.
Accanto a questi frammenti di estrema rilevanza, Seracini ha trovato anche frammenti rossi e puntinature nere.

Come è stato trovato il pigmento?
Con una scannerizzazione ad alta risoluzione, i tecnici guidati da Seracini hanno potuto andare “dietro” al lavoro di Vasari: e individuare i punti già deteriorati dell’affresco che permettessero loro di passare al di là della parete, senza intaccare il dipinto vasariano, e osservare il muro. Di fatto le indagini sono state fatte solo su zone senza pittura o lesionate o ancora, ridipinte nel '800.

Trovata l'intercapedine
È stata così trovata una intercapedine di circa 1,5 cm, che sta tra il muro originario e quello “nuovo” (in mattoni, con uno spessore di circa 10 cm), sul quale è dipinta la battaglia di Marciano. Attraverso l’uso di speciali sonde endoscopiche si è riusciti a raggiungere l'intercapedine. E così sono stati trovati frammenti di cocciopesto, un pigmento di manganese e un cristallo di lacca. Tutti materiali - come detto - compatibili con le tecniche e i prodotti usati da Leonardo per preparare basi e colori.

La tecnologia
Lo studio multidisciplinare è stato promosso dalla National Geographic Society e dal Center of Interdisciplinary Science for Art, Architecture and Archaeology (CISA3) della University of California, San Diego's (UCSD), assieme al Comune di Firenze.

Il dipinto di Leonardo, che per lungo tempo si pensava fosse andato distrutto a metà del XVI secolo con il rifacimento del salone dei Cinquecento, potrebbe trovarsi dietro la Battaglia di Marciano.

I dettagli della ricerca
I dati raccolti da Seracini e il suo team a sostegno dell'ipotesi che l'opera leonardesca si trovi dietro il Vasari si possono suddividere in quattro tipologie:

1) Il campione di materiale nero è stato analizzato con un microscopio a scansione elettronica con spettroscopia a raggi X a dispersione di energia (SEM-EDX), che identifica gli elementi chimici nel campione. Il materiale trovato dietro la parete del Vasari mostra una composizione chimica simile a quella del pigmento nero trovato nella patina bruna della Gioconda e del San Giovanni Battista di Leonardo, così come identificati in una pubblicazione scientifica degli studiosi del Louvre che analizza tutti i dipinti leonardeschi della sua collezione.

2) Sono stati ritrovati frammenti di materiale rosso, probabilmente una lacca rossa di origine organica. Secondo gli esperti, è assai improbabile che questo tipo di materiale possa essere presente nel normale intonaco di un muro.

3) Le testimonianze visive ottenute con la sonda endoscopica ad alta definizione indicano che il materiale color beige visibile sulla parete può essere stato applicato solo con un pennello.

4) Il team di ricerca ha confermato la presenza di un'intercapedine tra il muro di mattoni su cui Vasari dipinse il suo affresco e il muro alle sue spalle. La scoperta suggerisce che il Vasari possa aver voluto conservare il capolavoro di Leonardo costruendovi una parete davanti. Questa ipotesi è avvallata anche dal fatto che nel salone non ci sono altre intercapedini. L'unico muro in più è quello della parete est.

12 marzo 2012 Carlo Dagradi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us