Arte

L’IA ha scoperto che il quadro della Madonna della Rosa non è (solo) di Raffaello

Grazie all'IA è arrivata la conferma di quello che alcuni studiosi sostenevano da tempo: il quadro Madonna della Rosa non è stato dipinto solo da Raffaello.

Una rete neurale di intelligenza artificiale ha identificato qualcosa di insolito in un volto di un dipinto di Raffaello, un dettaglio che ne mette in dubbio l'autenticità. Il volto in questione appartiene a San Giuseppe, in alto a sinistra nel dipinto noto come la Madonna della Rosa. l software ha stabilito che almeno alcuni dei tratti del volto sono opera di un altro artista, che potrebbe aver affiancato Raffaello. A dire il vero è da un po' di tempo che gli studiosi dibattono sul fatto che il dipinto possa non essere originale. E, a conferma di quest'ipotesi, arriva un nuovo metodo di analisi, basato su un algoritmo di intelligenza artificiale, sviluppato da un team di ricercatori del Regno Unito e degli Stati Uniti, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Heritage Science.

Madonna della Rosa - Raffaello Sanzio
San Giuseppe osserva la Vergine mentre tiene in braccio Gesù. Secondo l'Intelligenza artificiale il volto di San Giuseppe non è opera di Raffaello. © Wikimedia Commons

L'algoritmo. «Utilizzando un'analisi approfondita delle caratteristiche dei dipinti di Raffaello, abbiamo "addestrato" il computer a riconoscere il suo stile in modo molto dettagliato: dalle pennellate, alla tavolozza dei colori, all'ombreggiatura... L'occhio del computer analizza le immagini a livello microscopico, in modo più approfondito di quello umano», sostiene il matematico e informatico Hassan Ugail dell'Università di Bradford nel Regno Unito, «i processi di "apprendimento automatico" passano attraverso un addestramento che si basa su una vasta gamma di esempi: in questo caso il gruppo di lavoro ha utilizzato una "rete neurale" chiamata ResNet50, abbinata a un apprendimento automatico tradizionale definito Support Vector Machine». Questo metodo ha dimostrato un livello di precisione del 98 per cento nell'identificare opere di Raffaello.

I dubbi dell'IA. Nel caso della Madonna della Rosa i ricercatori hanno lavorato con l'IA sui singoli volti presenti nel dipinto. E così, mentre la Madonna, il Bambino e San Giovanni risulterebbero tutti creati dalla mano di Raffaello, San Giuseppe no. Già prima di questa indagine, alcuni critici d'arte sostenevano che una parte del dipinto non fosse stato realizzato dall'artista. Come spiega Ugail: «Quando l'Intelligenza artificiale ha analizzato il quadro nel suo insieme, non ha manifestato dubbi sulla sua autenticità. Ma quando abbiamo analizzato il dipinto figura per figura, l'IA ha rilevato che tutti i volti sono stati realizzati per mano dell'artista, a eccezione di quello di San Giuseppe».

L'altra "mano". Chi ha affiancato, dunque, Raffaello? Qui si torna al dibattito tra i critici: alcuni sostengono che il quarto volto venne realizzato da Giulio Romano, allievo di Raffaello, ma non ci sono prove concrete.

Quel che è certo è che la Madonna della Rosa fu dipinta su tela intorno al 1518, ma a metà Ottocento i critici d'arte iniziarono a sospettare che Raffaello non avesse dipinto tutte le opere d'arte attribuitigli.

Ora questi sospetti si sono rivelati fondati, ma in futuro l'IA potrà sostituire i critici d'arte? «No», risponde Ugail, «l'intelligenza artificiale si affiancherà agli esperti, ma non li sostituirà: il processo di autenticazione di un'opera d'arte implica moltissimi aspetti che le macchine non sono in grado di accertare, dalla provenienza, ai pigmenti, alle condizioni dell'opera… Sicuramente questi software saranno utilizzati come un aiuto in più nel complesso processo di studio di un'opera d'arte».

6 gennaio 2024 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us