Arte

L’IA ha scoperto che il quadro della Madonna della Rosa non è (solo) di Raffaello

Grazie all'IA è arrivata la conferma di quello che alcuni studiosi sostenevano da tempo: il quadro Madonna della Rosa non è stato dipinto solo da Raffaello.

Una rete neurale di intelligenza artificiale ha identificato qualcosa di insolito in un volto di un dipinto di Raffaello, un dettaglio che ne mette in dubbio l'autenticità. Il volto in questione appartiene a San Giuseppe, in alto a sinistra nel dipinto noto come la Madonna della Rosa. l software ha stabilito che almeno alcuni dei tratti del volto sono opera di un altro artista, che potrebbe aver affiancato Raffaello. A dire il vero è da un po' di tempo che gli studiosi dibattono sul fatto che il dipinto possa non essere originale. E, a conferma di quest'ipotesi, arriva un nuovo metodo di analisi, basato su un algoritmo di intelligenza artificiale, sviluppato da un team di ricercatori del Regno Unito e degli Stati Uniti, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Heritage Science.

Madonna della Rosa - Raffaello Sanzio
San Giuseppe osserva la Vergine mentre tiene in braccio Gesù. Secondo l'Intelligenza artificiale il volto di San Giuseppe non è opera di Raffaello. © Wikimedia Commons

L'algoritmo. «Utilizzando un'analisi approfondita delle caratteristiche dei dipinti di Raffaello, abbiamo "addestrato" il computer a riconoscere il suo stile in modo molto dettagliato: dalle pennellate, alla tavolozza dei colori, all'ombreggiatura... L'occhio del computer analizza le immagini a livello microscopico, in modo più approfondito di quello umano», sostiene il matematico e informatico Hassan Ugail dell'Università di Bradford nel Regno Unito, «i processi di "apprendimento automatico" passano attraverso un addestramento che si basa su una vasta gamma di esempi: in questo caso il gruppo di lavoro ha utilizzato una "rete neurale" chiamata ResNet50, abbinata a un apprendimento automatico tradizionale definito Support Vector Machine». Questo metodo ha dimostrato un livello di precisione del 98 per cento nell'identificare opere di Raffaello.

I dubbi dell'IA. Nel caso della Madonna della Rosa i ricercatori hanno lavorato con l'IA sui singoli volti presenti nel dipinto. E così, mentre la Madonna, il Bambino e San Giovanni risulterebbero tutti creati dalla mano di Raffaello, San Giuseppe no. Già prima di questa indagine, alcuni critici d'arte sostenevano che una parte del dipinto non fosse stato realizzato dall'artista. Come spiega Ugail: «Quando l'Intelligenza artificiale ha analizzato il quadro nel suo insieme, non ha manifestato dubbi sulla sua autenticità. Ma quando abbiamo analizzato il dipinto figura per figura, l'IA ha rilevato che tutti i volti sono stati realizzati per mano dell'artista, a eccezione di quello di San Giuseppe».

L'altra "mano". Chi ha affiancato, dunque, Raffaello? Qui si torna al dibattito tra i critici: alcuni sostengono che il quarto volto venne realizzato da Giulio Romano, allievo di Raffaello, ma non ci sono prove concrete.

Quel che è certo è che la Madonna della Rosa fu dipinta su tela intorno al 1518, ma a metà Ottocento i critici d'arte iniziarono a sospettare che Raffaello non avesse dipinto tutte le opere d'arte attribuitigli.

Ora questi sospetti si sono rivelati fondati, ma in futuro l'IA potrà sostituire i critici d'arte? «No», risponde Ugail, «l'intelligenza artificiale si affiancherà agli esperti, ma non li sostituirà: il processo di autenticazione di un'opera d'arte implica moltissimi aspetti che le macchine non sono in grado di accertare, dalla provenienza, ai pigmenti, alle condizioni dell'opera… Sicuramente questi software saranno utilizzati come un aiuto in più nel complesso processo di studio di un'opera d'arte».

6 gennaio 2024 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us