Illusioni nel piatto: l'arte "culinaria" di Hikaru Cho

Non lasciatevi ingannare da quello che vedete: i cibi fotografati in questa gallery hanno subito un travestimento post carnevalesco per non farsi riconoscere. La bizzarra e inaspettata arte di una bodypainter (in questo caso "foodpainter") giapponese.

Da non perdere: i capolavori della pittura ricreati con i toast
E l'arte del cappuccino 3D

its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-1its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-2its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-5its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-6its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-3its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-4tumblr_mt82vk1pqd1ro51udo1_1280tumblr_mt82vk1pqd1ro51udo2_1280tumblr_mt82vk1pqd1ro51udo3_1280tumblr_mtbjds8fwd1ro51udo1_1280tumblr_mtbjds8fwd1ro51udo2_1280tumblr_mtbjds8fwd1ro51udo3_1280tumblr_mtmtajzsyh1ro51udo1_1280tumblr_mtmtajzsyh1ro51udo3_1280tumblr_m19bsvigtu1ro51udo1_r2_1280tumblr_m4h8mnthw31ro51udo1_1280Approfondimenti
its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-1

"Questo non è un cetriolo" potremmo dire, facendo il verso alle celebri opere di René Magritte. In effetti non è affatto un cetriolo, ma l'immagine di esso. Basterebbe provare a sbucciarlo per accorgersi di essere caduti in un tranello della vista, creato ad hoc da un'artista giapponese che sulle illusioni della pittura ha costruito un'intera carriera: la giapponese Hikaru Cho.

its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-2

La 20enne di Tokyo, famosa per le doti da bodypainter (che le consentono di ricreare, sui corpi dei suoi modelli, elementi estranianti come cerniere, falsi occhi, crepe e prese di corrente) si è divertita a mascherare cibi che tutti abbiamo in frigorifero da altri alimenti, completamente inaspettati. Ecco che cosa rivela il "cuore" del cetriolo...

È vero che mangiare la punta delle banane fa male alla salute?

its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-5

La serie intitolata "It's not what it seems" ("Non è come sembra") gioca anche sui possibili doppi sensi linguistici legati al nome di ciascun oggetto. Quella che potrebbe sembrare una melanzana (eggplant, in inglese)...

its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-6

... è in realtà un uovo (egg, in inglese) che, privato delle cautele che merita, ha finito col rompersi. Se togliamo alla melanzana la "maschera" di ortaggio, sembra suggerire Hikaru Cho, rimane solo la radice del suo nome: un uovo, appunto. L'effetto sullo spettatore è al contempo giocoso e provocatorio.

È nato prima l'uovo o la gallina? Le risposte della scienza
La scienza dell'uovo sodo perfetto

its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-3

Non lasciatevi ingannare dall'aspetto esterno di questa arancia. La sua buccia rugosa in realtà non esiste, e tagliandola potrete smascherare anche l'ultima illusione.

Le doti artistiche di Hikaru Cho (le cui creazioni sono visibili anche sul suo profilo Facebook e Instagram) sono state sfruttate anche in una recente campagna di Amnesty International dal titolo "My body, my rights" per sostenere i diritti sessuali e riproduttivi di ogni essere umano e prevenire la violenza sulle donne. La bodypainter ha dipinto, sul corpo di alcune modelle, i segni indelebili - sotto forma di fratture - che una violenza lascia su chi la subisce.

its-not-what-it-seems-hikaru-cho-painted-food-4

Ed ecco svelato anche l'ultimo inganno. L'artista giapponese non è l'unica a sfruttare il cibo per creare originali forme d'arte. C'è chi nel piatto realizza veri e propri "quadri", chi riproduce i capolavori dell'arte con il pane tostato, chi disegna sul sushi e chi con i piatti tipici nazionali ridipinge le bandiere di tutti i paesi del mondo.

tumblr_mt82vk1pqd1ro51udo1_1280

Un'altra serie realizzata dall'artista rivisita il concetto di "Natura morta". Ortaggi scolpiti in argilla e dipinti con colori sgargianti prendono vita, rivelando la loro reale essenza: non più vegetali, ma insetti pronti a spiccare il volo.

tumblr_mt82vk1pqd1ro51udo2_1280

La serie è intitolata provocatoriamente: "Still Life?" ("Natura morta?"). In questo caso, da un baccello di pisellini freschi sembra essere nata una creatura immaginaria, un incrocio tra una falena e una mantide.

La falena che manda in tilt il sonar dei pipistrelli
Come fanno le falene a diventare invisibili? Un video svela il loro segreto
Le foto degli insetti più strani in natura

tumblr_mt82vk1pqd1ro51udo3_1280

Nelle ali di questo curioso insetto sono rimaste tracce della sua metamorfosi incompiuta.

tumblr_mtbjds8fwd1ro51udo1_1280

Pronti per mangiarlo in insalata? Prima, verificate bene... Un altro pezzo della serie, intitolato questa volta "Velvet Tomato Spider".

tumblr_mtbjds8fwd1ro51udo2_1280

L'aracnide sembra prendere vita dal picciolo del pomodoro. E in un attimo passa la fame...

Ragni per tutti i gusti: astenersi aracnofobici
Occhi di ragno: lo sguardo degli aracnidi in macro spettacolari

tumblr_mtbjds8fwd1ro51udo3_1280

La parte carnosa del pomodoro si è di colpo trasformata nel ventre rigonfio del ragno. Ancora una volta, l'apparenza ci ha ingannati.

Le foto del paese australiano avvolto dalle ragnatele

tumblr_mtmtajzsyh1ro51udo1_1280

Quando si dice che un frutto è "bacato", si intende proprio qualcosa di questo tipo. O no?

tumblr_mtmtajzsyh1ro51udo3_1280

Sbucciando l'agrume (o meglio, quello che credevamo fosse un agrume), abbiamo privato il bruco della sua dimora.

tumblr_m19bsvigtu1ro51udo1_r2_1280

Fortunatamente, talvolta le apparenze ingannano anche... in positivo. Quello che sembrava un frutto marcio è in realtà ancora in ottime condizioni.

tumblr_m4h8mnthw31ro51udo1_1280

Anche il più naturale degli alimenti può essere rapidamente trasformato in un prodotto di largo consumo, da stappare prima dell'uso.

"Questo non è un cetriolo" potremmo dire, facendo il verso alle celebri opere di René Magritte. In effetti non è affatto un cetriolo, ma l'immagine di esso. Basterebbe provare a sbucciarlo per accorgersi di essere caduti in un tranello della vista, creato ad hoc da un'artista giapponese che sulle illusioni della pittura ha costruito un'intera carriera: la giapponese Hikaru Cho.