Giorgio Morandi, storia di un pittore fuori dagli schemi

Chi era Giorgio Morandi? Il pittore e incisore italiano è sicuramente uno dei più noti e originali protagonisti della pittura italiana del Novecento ed è considerato tra i maggiori incisori mondiali del secolo. 
Figura solitaria, Morandi è un caso veramente straordinario di pittore isolato, al di fuori dei movimenti, con scarsissimi contatti con altri pittori e maestri del tempo.
È anche un caso straordinario di un artista che ha praticamente dipinto quasi esclusivamente gli stessi soggetti: bottiglie, vasi, caffettiere, fiori, ciotole e paesaggi dipinti per la stragrande maggioranza nella stessa stanza dove ha abitato per tutta la vita. Eppure, nonostante questi aspetti - che potrebbero sembrare dei limiti - Giorgio Morandi è diventato uno dei più grandi artisti italiani del Novecento e oggi le sue opera vendute a oltre un milione di euro.

autoritratto-giorgio_morandimorandi_natura-morta29-30agog4dygiogio_morandi1_comodato-pavarotti-museo-morandin05782_10con_h_21.par51813-1natura-morta-i-giorgio-morandi-73192_previewnatura-morta-1916natura-morta-1938natura-morta-1949naturamorta1956giorgiomorandi-naturamorta1964Approfondimenti
autoritratto-giorgio_morandi

Giorgio Morandi nacque a Bologna il 20 luglio 1890. È famoso in tutto il mondo per le sue nature morte composte dalle stesse sequenze di bottiglie, brocche, vasi, bicchieri. Un marchio si fabbrica immediatamente riconoscibile, fatto di lune e colori essenziali e minimali. Questo è un suo autoritratto del 1924, quando l'artista aveva 34 anni.

morandi_natura-morta29-30

La sua formazione è semplice: primo di cinque figli, dimostra fin da bambino una precoce predisposizione per l’arte, di cui sono testimonianza alcuni piccoli dipinti; dal 1907 al 1913 studia all'Accademia di Bologna. Nel frattempo gli muore il padre e di fatto diventa il capofamiglia. Figura solitaria, Morandi è un caso veramente straordinario di pittore isolato, al di fuori dei movimenti, con scarsissimi contatti con altri pittori e maestri del tempo. Nella foto, Natura morta cubista (1914)

agog4dy

Tra le sue fonti d’ispirazione c’erano Picasso e Cézanne tra i suoi contemporanei, ma naturalmente anche i grandi pittori del Rinascimento che conobbe grazie a un soggiorno a Firenze. Le sue opere giovanili partono dalle riproduzioni di opere di Cézanne e proseguono al contatto con i futuristi e l'adesione alla corrente della Metafisica.
Tra i dipinti più interessanti di questo periodo spiccano la Natura morta metafisica (1918) e la Natura morta con Palla (1918), nella foto.

giogio_morandi

Giorgio Morandi a sinistra in una delle rare foto (scattata dal fotografo dell'agenzia Magnum Herbert List nel 1953), a destra in un altrettanto raro autoritratto del 1924 quando l'artista aveva 34 anni.

1_comodato-pavarotti-museo-morandi

Poi, a partire dal 1920, la sua opera si concentra su pochissimi, modesti soggetti. Sono soprattutto le bottiglie e i paesaggi di Grizzana che vengono continuamente rielaborati e approfonditi. Di fatto Morandi non si è praticamente mai spostato da Bologna o da Grizzana, una cittadina sull'Appennino dove passava le sue estati e che dal 1985 si chiama Grizzana Morandi in suo onore. Nella foto, Giorgio Morandi, Natura morta, 1955

n05782_10

Il suo carattere schivo e riservato non aiutano a metterlo in mostra. A partire dagli anni Trenta si concentra sulle nature morte, dove applica una ricerca formale metodica e rigorosa. Le sue opere diventano così una sintesi tra il realismo di Chardin e le semplificazioni formali di Cézanne.

con_h_21.par51813-1

Giorgio Morandi in una delle rare foto, scattata dal fotografo dell'agenzia Magnum Herbert List nel 1953.

natura-morta-i-giorgio-morandi-73192_preview

Sempre uguale a se stesso, ma sempre diverso, Morandi non cerca temi nuovi. La sua pittura è una meditazione paziente, profonda, intellettuale degli oggetti. Morandi di fatto ne approfondisce il ritmo, i contorni, i riflessi.

natura-morta-1916

Giorgio Morandi, Natura morta (1916)

natura-morta-1938

Giorgio Morandi, Natura morta (1938)

natura-morta-1949

Giorgio Morandi, Natura morta (1949)

naturamorta1956

Giorgio Morandi, Natura morta (1956)

giorgiomorandi-naturamorta1964

Giorgio Morandi, Natura morta (1964)

Giorgio Morandi nacque a Bologna il 20 luglio 1890. È famoso in tutto il mondo per le sue nature morte composte dalle stesse sequenze di bottiglie, brocche, vasi, bicchieri. Un marchio si fabbrica immediatamente riconoscibile, fatto di lune e colori essenziali e minimali. Questo è un suo autoritratto del 1924, quando l'artista aveva 34 anni.