Arte

Da dove viene il nome del colore "azzurro"? E "bordeaux"? E "fucsia"?

Avana
Dal colore del sigaro chiamato Avana perché proveniente dalla capitale di Cuba, L’Avana.

Azzurro
Importato dagli Arabi, è la voce persiana lazward. Nelle lingue derivate dal latino, però, la “l” iniziale fu scambiata per l’articolo arabo “al-” e quindi sottratta. Sopravvive in lapislazzulo, “pietra azzurra”.

Bordeaux
Dal colore del vino francese, corrispondente al nome della città di Bordeaux.

Cremisi
Deriva dal nome arabo della cocciniglia, qirmiz, a sua volta dal persiano kimr (verme), da cui qirmizi, cioè “colore che si estrae da tale insetto” (il nome scientifico è appunto Kermes vermilio). Da animali anche perla, salmone, camoscio...

[Guida ai nomi dei formaggi - Guida ai nomi dei frutti di mare - Perché si dice... ? Curiosità linguistiche e modi di dire]

Fucsia
Dal nome del fiore delle piante del genere Fuchsia, scoperte a Santo Domingo nel 1693 da Charles Plumier, botanico di Luigi XIV, e così chiamate in onore di Leonhart Fuchs, autore di un erbario illustrato.

Granata
Dalla mela granata (o melograno), secondo altri dalla pietra preziosa. Molti colori sono ispirati al mondo vegetale: viola, rosa, glicine, pervinca, limone, arancione, amaranto, lavanda, malva, fragola...

Lilla
L’etimo è arabo, lilak, o persiano, lilang, curiosamente derivato dall’antico termine indiano nilah che indica però un colore diverso, il blu scuro.

Indaco
Sta per “indiano” e individuava un colorante d’origine vegetale, importante per la produzione tintoria del Medioevo, quando in italiano si diceva ancora indico per “indiano”, dal greco indikon.

Magenta
Magenta (Mi) è il comune dove si combatté aspramente nel 1859 tra franco-piemontesi e austriaci. Il colore, battezzato così in Francia, ricorda il sangue sparso.

Turchese
Dal colore azzurrognolo della “pietra turca”. Turchese, al pari di turchino, appartiene all’italiano antico col valore di “turco”.


4 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us