Arte

Cinque spie che ti dicono che stai guardando un film di Spielberg

Steven Spielberg ha tic stilistici e tematici che compaiono più e più volte nelle sue pellicole. Il settimanale Time ne ha analizzati cinque.

Steven Spielberg è uno dei più prolifici registi di successo. Ha diretto 29 film in più di 40 anni, ma nelle sue pellicole ritornano con costanza una serie di "tic" stilistici e tematici che forse avete notato anche voi. Il settimanale americano Time ne ha evidenziati 5 che ritornano in molti film, indipendentemente dal genere.

1. Problemi con il padre
La paternità sembra qualche cosa da sfuggire, temere, evitare. O quanto meno problematica. La causa? Forse il fatto chei genitori di Spielberg divorziarono quando questi aveva 19 anni.

2. Fasci di luce
Finestre retroilluminate, fasci di luce che piovono dall'alto: il regista ha sempre giocato con l'illuminazione delle scene. Un marchio di fabbrica.

3. Volti atterriti
Lo scrittore Matt Parches le ha ribattezzate "la faccia di Spielberg". Se Spielberg merita di essere chiamato il maestro della manipolazione del pubblico, allora questa è la sua firma. Fin da "Incontri ravvicinati del terzo tipo" il regista ha fatto uso di primi piani su occhi spalancati, bocche aperte, sguardi verso l'alto e fuori dalla scena per trasmettere la meraviglia o la paura che il protagonista dovrebbe stare vivendo.

4. Niente controcampo
Un protagonista guarda qualcosa attraverso una finestra o uno specchio e la telecamera, posta dal lato opposto, riprende sia l'espressione del viso sia quello che l'attore starebbe vedendo, senza bisogno di un'inquadratura in controcampo. Notata la prima volta in Lo squalo.

5. La musica di John Williams

26 luglio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us