Calvin Seibert, il mago dei castelli di sabbia

Ecco le costruzioni più sorprendenti di un uomo che sa maneggiare in modo magistrale paletta e secchiello. Adesso provate voi...

castelli-sabbia-calvin-seibert_07castelli-sabbia-calvin-seibert_01castelli-sabbia-calvin-seibert_02castelli-sabbia-calvin-seibert_03castelli-sabbia-calvin-seibert_04castelli-sabbia-calvin-seibert_05castelli-sabbia-calvin-seibert_06castelli-sabbia-calvin-seibert_08castelli-sabbia-calvin-seibert_09castelli-sabbia-calvin-seibert_10Approfondimenti
castelli-sabbia-calvin-seibert_07

I bambini non sono gli unici che si divertono a costruire castelli in spiaggia . Il 57enne di origini newyorkesi Calvin Seibert è un appassionato di architettura e ha trasformato un hobby in apparenza fanciullesco in una vera arte, che richiede tanta pazienza e altrettanti chili di sabbia.

A volte le sue creazioni hanno le sembianze di strutture moderniste, altre di stazioni spaziali fantascientifiche, e sono tutte fabbricate con l'ausilio di una manciata di strumenti: una gamma di palette di plastica, un secchio vuoto e circa 570 litri di acqua per ciascun castello. Una singola scultura necessita dalle quattro ore ai due giorni di lavoro, sebbene non sia raro, ha confessato lo stesso Seibert, che le sue fatiche vengano vanificate dalle onde o da qualche bambino maldestro.

castelli-sabbia-calvin-seibert_01

castelli-sabbia-calvin-seibert_02

castelli-sabbia-calvin-seibert_03

castelli-sabbia-calvin-seibert_04

castelli-sabbia-calvin-seibert_05

castelli-sabbia-calvin-seibert_06

castelli-sabbia-calvin-seibert_08

castelli-sabbia-calvin-seibert_09

castelli-sabbia-calvin-seibert_10

I bambini non sono gli unici che si divertono a costruire castelli in spiaggia . Il 57enne di origini newyorkesi Calvin Seibert è un appassionato di architettura e ha trasformato un hobby in apparenza fanciullesco in una vera arte, che richiede tanta pazienza e altrettanti chili di sabbia.

A volte le sue creazioni hanno le sembianze di strutture moderniste, altre di stazioni spaziali fantascientifiche, e sono tutte fabbricate con l'ausilio di una manciata di strumenti: una gamma di palette di plastica, un secchio vuoto e circa 570 litri di acqua per ciascun castello. Una singola scultura necessita dalle quattro ore ai due giorni di lavoro, sebbene non sia raro, ha confessato lo stesso Seibert, che le sue fatiche vengano vanificate dalle onde o da qualche bambino maldestro.