Arte

Dentro l'arte di Caravaggio: Sette Opere di Misericordia

Nel 1607 Caravaggio completa un'istantanea dal Vangelo, un dipinto tra i più narrativi che potesse creare: ecco la storia raccontata dal suo Sette Opere di Misericordia.

Michelangelo Merisi da Caravaggio fu il più influente pittore italiano del Seicento, nonché una delle più straordinarie figure che la storia dell'arte abbia mai avuto, autore di capolavori intensi ed emozionanti. In tutte le sue opere, anche in quelle a carattere religioso, mise in scena persone in carne ed ossa, figure vere e sanguigne, spesso colte tra la gente del popolo - come nel caso delle Sette Opere di Misericordia, dove il Vangelo ha il volto del popolo di Napoli.

Nella città partenopea Caravaggio giunse nel 1606, in fuga da Roma dopo un omicidio per il quale venne condannato a morte. A Napoli realizzò diversi dipinti importanti, e tra questi le Sette Opere di Misericordia: un dipinto enigmatico, forse tra i più turbolenti che Caravaggio potesse creare. L'enorme tela (320x260 cm) venne realizzata per l'altare maggiore della Chiesa del Pio Monte della Misericordia, dalla quale non venne mai rimossa.

In questa rappresentazione, per la prima volta in pittura tutti gli atti di misericordia corporale descritti nei Vangeli vengono raffigurati insieme, coordinati nella loro armonia, anziché separatamente. Ma ancora più nuovo è lo schema compositivo, con l'incalzare senza pause di gesti e di monumentalità della scena in uno spazio angusto.

Sette opere di Misericordia, di Michelangelo Merisi da Caravaggio.
Sette opere di Misericordia, di Michelangelo Merisi da Caravaggio. © P.D.

L'opera è un racconto dipinto, ambientato nei bassifondi caotici, vitali e confusionari della Napoli a cavallo tra il XVI e XVII secolo, in cui echeggia un'umanità sofferente e dove convivono miseria e nobiltà, malattia e cura, peccato e perdono, disperazione e speranza. Ma, nel racconto, cielo e terra sono legati dalla Vergine col Bambino per affermare che le azioni del bene fatte in questo mondo sono una via privilegiata verso il Cielo. Un'opera che arriva dove forse le parole non sempre sono capaci di arrivare.

Sette opere di Misericordia, Caravaggio 1607: la Vergine col Bambino e la lotta tra Luce e Tenebre.
La Vergine col Bambino e la lotta tra Luce e Tenebre.

L'intero dipinto è presieduto dalla Vergine col Bambino, entrambi sorretti dalle grandi ali piumate di due angeli. A prima vista sembra che gli angeli si abbraccino, ma in realtà lottano tra di loro. Sono avvolti da panneggi: quello dell'angelo a sinistra è bianco, e simboleggia la luce, mentre l'altro è nero e indica le tenebre. In basso, sotto i loro occhi, si svolge la scena che, grazie all'incastro della gestualità delle figure, allude alle sette Opere di Misericordia: seppellire i morti, visitare i carcerati, dar da mangiare agli affamati, vestire gli ignudi, curare gli infermi, ospitare i pellegrini, dar da bere agli assetati.

A seguire, il dettaglio delle Opere di Misericordia nel dipinto di Caravaggio.

Sette opere di Misericordia, Caravaggio 1607 - Seppellire i morti.
Seppellire i morti.

Seppellire i morti: nella parte destra è raffigurato il trasporto di un cadavere da parte di due persone, una delle quali è un diacono che regge una fiaccola. È quasi commovente il dettaglio dei piedi del defunto, ben illuminati, quasi a voler trasmettere un senso di dignità anche nella sua ultima ora.

Sette opere di Misericordia, Caravaggio 1607 - Visitare i carcerati, dar da mangiare agli affamati.
Visitare i carcerati, dar da mangiare agli affamati.

Visitare i carcerati e dar da mangiare agli affamati: nell'episodio successivo si vede una giovane donna accanto a un vecchio che sporge il capo attraverso le sbarre di una finestra, mentre lei, a seno scoperto, lo allatta. C'è una storia nascosta in questa scenografia: quella di Cimone e Pero, tramandata dall'antica Roma. Si racconta che il vecchio Cimone fosse stato incarcerato e condannato a morire di fame. Allora, la figlia, Pero, lo andava spesso a visitare in carcere e lo allattava con il proprio latte, compiendo così una straordinaria inversione di ruoli e di età. Qui è da notare un dettaglio incredibilmente toccante: le gocce di latte sulla barba del vecchio.

Sette opere di Misericordia, Caravaggio 1607 - Vestire gli ignudi, curare gli infermi.
Vestire gli ignudi, curare gli infermi.

Vestire gli ignudi e curare gli infermi: volgendo invece lo sguardo a sinistra, in primo piano scorgiamo un uomo vestito di abiti eleganti, con guanti e un bel cappello piumato. Al suo cospetto, a terra, c'è un uomo con la schiena nuda, di spalle, quasi a voler negare allo spettatore il suo viso. Lo sguardo è infatti rivolto verso la spada con cui l'elegante uomo sta tagliando il suo mantello. Anche in questo caso c'è una storia nascosta, quella di san Martino di Tours, che tagliò il suo mantello per vestire un povero. Ma non solo: dietro all'uomo con la schiena nuda, appena sopra la sua spalla sinistra, si intravedono appena anche le mani giunte di un altro personaggio, un infermo, un ammalato, di cui si vede anche parte di un piede (in basso a sinistra), assistito anch'esso dal nobiluomo.

Sette opere di Misericordia, Caravaggio 1607 - Ospitare i pellegrini.
Ospitare i pellegrini.

Ospitare i pellegrini: dietro il cavaliere, al buio, emerge una conchiglia cucita su un cappello - è la conchiglia di San Giacomo (la capasanta), che identificava come pellegrino chiunque la portasse. Davanti a lui sta un uomo corpulento, forse un oste, che indica una direzione, quella del luogo dove potergli far passare la notte.

Sette opere di Misericordia, Caravaggio 1607 - Dar da bere agli assetati.
Dar da bere agli assetati.

Dar da bere agli assetati: tra la figura del pellegrino e del suo interlocutore si propone in modo deciso un personaggio. I suoi tratti danno conto della sua forza: è Sansone che si sta dissetando dalla mascella di un asino. Dietro la rappresentazione vi è la storia biblica che racconta di quando Sansone, nel deserto, si era abbeverato da una fonte d'acqua fatta miracolosamente sgorgare da Dio da una mascella d'asino.

----------
Per approfondire:
Cappelletti F., Caravaggio. Un ritratto somigliante, Electa, 2009;
D'Orazio C., Caravaggio segreto. I misteri nascosti nei suoi capolavori, Sperling & Kupfer, 2014;
Careri G., Caravaggio. La fabbrica dello spettatore, Jaca Book, 2017;
Schutze S., Caravaggio. L'opera completa, Taschen, 2021.

9 febbraio 2022 Giovanna Benedetta Puggioni
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us