Ai confini della realtà: illusioni ottiche artistiche

Il mondo surreale e divertente creato dall’artista svedese Erik Johansson: costruisce foto "impossibili". Un mago delle illusioni ottiche artistiche.

È un mondo surreale e divertente, in cui le leggi della fisica non riescono a frenare la fantasia quello creato dall’artista svedese Erik Johansson. Al suo lavoro è dedicata questa fotogallery di incredibili foto, ritoccate in modo assai brillante.
"Lavorare con il fotoritocco - dice Johansson - è un po’ come dipingere un quadro". E consente di ottenere risultati surreali come... la caduta di questo vaso in ceramica, dalle conseguenze decisamente inaspettate!

E non mancano neppure i richiami all'horror... come questo incidente domestico per fortuna irreale.

Non aprire quel tombino! Ecco che cosa si può nascondere sotto le strade delle città.

Se il vostro cane è troppo pigro per seguirvi nelle vostre passeggiate, ecco la soluzione: palloncini gonfiati con elio e un robusto guinzaglio... non si sa mai che Fido voli via.

Invece di lavorare, il pilota della scavatrice e un operaio stanno giocando a “tris” sulla strada. Chi vincerà?

I vestiti sono stropicciati e necessitano del ferro da stiro. Se siete pigri, fate come lui. O no?
Johansson per i suoi lavori utilizza computer e software professionali ma alla portata di (quasi) tuttie le tasche.

Rovesci una tazzina di caffè e... voilà: appare un perfetto planisfero della Terra. Quanto basta per liquidare la geografia.

L’artista svedese ha realizzato questo montaggio sovrapponendo una foto di se stesso mentre trascina una coperta a quella di una strada.

Una gita in bici si può trasformare in un viaggio ai confini della realtà.

Gli abitanti della casetta rossa forse pensavano di stare su un’isola. Invece vivono adagiati sulla schiena di un enorme sarago. E fanno parte di un gigantesco, misterioso, acquario.

Il pittore deve aver usato colori... ad acqua: lo si capisce da come il mare tracima dalla cornice. È il montaggio di 3 foto.

Quando sei qui con me questa stanza non ha più pareti, ma nuvole.

Difficile che i palazzi di una strada si riflettano su un selciato in porfido. Ma basta qualche specchio....

La campagna svedese trasformata in un pianeta dall'abile mano di Johansson.
L'artista ha iniziato i suoi lavori nel 2007, appena acquistata la sua prima macchina fotografica digitale.

Il lavoro di Johansson parte sempre da un'idea. Il passo successivo è scattare la foto di partenza, impresa non sempre immediata. Poi c'è la fase di fotoritocco: 10-20 ore di lavoro con Photoshop, uno dei software più diffusi e professionali. E questo è il risultato finale.

Immaginate di svegliarvi e scoprire che il vostro letto sta navigando sul Rio delle Amazzoni...

Nostalgia delle spiagge e delle onde? Per ricrearle basta dipingerle sul parquet.

Lasciate la paura dei temporali e dei fulmini. Il vero incubo è venire colpito da una forbice gigante e impazzita.

Tra le opere di Johansson non mancano citazioni e richiami alle illusioni ottiche.

È un mondo surreale e divertente, in cui le leggi della fisica non riescono a frenare la fantasia quello creato dall’artista svedese Erik Johansson. Al suo lavoro è dedicata questa fotogallery di incredibili foto, ritoccate in modo assai brillante.
"Lavorare con il fotoritocco - dice Johansson - è un po’ come dipingere un quadro". E consente di ottenere risultati surreali come... la caduta di questo vaso in ceramica, dalle conseguenze decisamente inaspettate!