Arte

Adolphe Sax, l'uomo che inventò il sassofono

La storia di Antoine-Joseph Sax, detto Adolphe, l'uomo che ci diede lo strumento dal suono più sexy: il sassofono.

Antoine-Joseph Sax (1814-1894), detto Adolphe, è l'inventore del sassofono, strumento che presentò a Parigi nel 1846. Sax, membro di una famiglia franco-belga di costruttori di strumenti musicali in metallo, brevettò il suo sassofono come risultato del suo tentativo di migliorare il timbro del clarinetto basso.

L’accoglienza iniziale fu piuttosto tiepida sebbene il sassofono si possa considerare - insieme alla fisarmonica - uno dei primi strumenti dell’era moderna, perché si basa su soluzioni acustiche del tutto nuove.

Lo strumento fu in seguito impiegato da grandi compositori dell’epoca, come Hector Berlioz, e nel 1857 si istituì la prima cattedra di sassofono al conservatorio di Parigi: Sax ne fu il primo titolare.

Sax inventò lo strumento già nel 1841 ma depositò il brevetto soltanto nel 1846. Sax partì dall’oficleide, uno strumento in ottone oggi caduto in disuso e rimpiazzato dalla tuba, sostituendo il bocchino a tazza in ottone con un bocchino ad ancia. Nel quale, cioè, non sono le vibrazioni delle labbra dello strumentista a trasmettersi alla colonna d’aria nel corpo dello strumento ma quelle di una sottile lamella di legno.

Concorrenza. Nacque così il “nuovo oficleide” o “oficleide a bocchino”, prototipo dell’attuale sassofono. Nel 1856, tuttavia, anche Pierre-Louis Gautrot depositò il brevetto di uno strumento musicale derivato dall’oficleide, il sarrusofono, tanto simile al sassofono che Sax intraprese una battaglia legale per violazione del suo brevetto, perdendola. Il sarrusofono ha goduto in passato di una certa popolarità, ma è stato oggi soppiantato dal controfagotto.

Inventore prolifico. A Sax si devono anche l'invenzione di molti altri strumenti come il saxotromba e la saxtuba: senza il suo genio forse non avremmo il Jazz e molta della musica contemporanea. Tuttavia Sax non riuscì mai a ottenere un vero profitto dalla sua invenzione e gli ultimi anni della sua vita li trascorse in povertà.

Fama postuma. Mentre Sax era ancora in vita il suo strumento venne utilizzato soprattutto nella musica da camera, dalle orchestre e dalle bande militari.

Dopo la sua morte, quando raggiunse gli Stati Uniti, divenne un punto fermo per i musicisti di Jazz.

Tra i jazzisti e il sassofono è stato amore a prima vista: «I musicisti Jazz suonano come se cantassero - spiega Jo Santy del Museo degli Strumenti Musicali di Bruxelles - e il sassofono è un ottimo strumento per farlo. Si può piangere e parlare e piangere e gridare nel sassofono, come si fa con la voce».

Uno dei primi sassofoni costruiti da Sax (fine '800)

6 novembre 2015
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us