Arte

Le meraviglie archeologiche del tempio romano di Sarsina, la città di Plauto

Il tempio romano scoperto per caso a Sarsina, patria del grande commediografo latino, è un Capitolium ben conservato. Ecco che cosa ci rivela.

Nell'antica città di Sarsina, provincia di Forlì-Cesena, sono venuti alla luce i resti di un Capitolium del I sec. a.C.. Il Capitolium non era un tempio come gli altri: dedicato alla Triade Capitolina (Giove, Giunone e Minerva), fu il segno distintivo del potere romano, soprattutto sotto la dinastia Giulio-Claudia, la famiglia dei primi cinque imperatori romani (ultimo fu Nerone).

Il Capitolium veniva innalzato in città importanti, come Ostia Antica, Pompei o Brescia romana. Nell'area dell'antica Sarsina, prima c'era un insediamento degli Umbri, popolo italico conquistato da Romani nel III sec. a.C. Poi, i Romani ne fecero la principale città di un'importante distretto agricolo. Sarsina, tra l'altro, fu il luogo di nascita del commediografo Plauto, autore dei più antichi scritti letterari latini che ci sono pervenuti interamente, considerato come il modello all'origine del teatro moderno.

Sarsina, la città di Plauto

Secondo Cicerone, Plauto nacque a Sarsina nel 250 a.C. e morì a Roma nel 184 a.C..  Elio Stilone, il primo grande filologo romano del II sec. a.C., diceva che se le muse avessero voluto esprimersi in latino avrebbero parlato la lingua di Plauto. A lui si deve la fusione della commedia nuova greca con elementi della farsa italica. Si pensa che, Virgilio a parte, nessuno più di lui abbia poi influito sull'origine della letteratura moderna. Dalla commedia rinascimentale colta a quella dell'arte, dal teatro classico francese all'opera buffa del '700-'800. Quando, nel I sec. a.C., venne eretto a Sarsina il Capitolium, Plauto - ormai scomparso - era così noto che gli erano state attribuite 130 commedie ma la maggioranza delle quali falsamente. Il motivo? Attori, capocomici e altri commediografi cercavano di sfruttare il suo nome.

Regina dell'archeologia. La città di Sarsina conserva i resti romani di bagni pubblici, fortificazioni, altri templi e conta il ritrovamento di numerose anfore, vari oggetti di ceramica e di bronzo. Gli elementi sopravvissuti del Capitolium scoperto, comprendono la tipica piattaforma quadrata, corsie di blocchi di arenaria che arrivano fino a un Podium e la pavimentazione, sempre in arenaria, di un Foro adiacente. Sopra il Podium (podio), che risulta rivestito di marmo, si ergevano alti muri della casa del culto deve erano ospitate le statue vestite delle divinità, a cui si tributavano offerte e sacrifici e si chiedevano intercessioni (statue però non pervenute). I muri si sono  conservati per un'altezza massima di 2,85 metri. 

Meraviglia sotto la palestra. L'eccezionalità del ritrovamento consiste anche nel buono stato di conservazione delle sue strutture, individuate inizialmente durante i lavori di demolizione di una palestra comunale, in vista della costruzione di un nuovo centro polifunzionale. Parte del tempio, a sorpresa, era proprio nello strato di terreno sottostante. L'intervento della Soprintendenza, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini ha bloccato i lavori edili, portando alla luce il resto. Gli scavi condotti dall'archeologa Romina Pirraglia hanno anche individuato un sistema di scolo delle acque ed elementi di riuso della struttura romana nel Medioevo, ad esempio tombe e focolari. Allo stesso tempo, come in una torta a strati, sono stati rinvenuti elementi riconducibili al IV sec. a.C., quando l'area era ancora in mano agli Umbri. Insomma, c'è molto da indagare. Il tempio sarà presentato alle Giornate Europee del Patrimonio in programma per il 23-24 settembre 2023.

16 settembre 2023 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us