8 cose che (forse) non sai sui musei

Qual è il museo più visitato al mondo? Quelli italiani vanno bene o vanno male? A quando risalgono i primi musei? Si può esporre un WC in un museo?

museoromauffizilouvre-giocondamain-toiletsbilbaocolosseofuturoApprofondimenti
museo

Da dove nasce il nome?Museo è la traduzione di Mouseion, che in greco antico significa “luogo sacro alle Muse”. Anche l’edificio di Alessandria d’Egitto, che ospitava la grande biblioteca si chiamava museo.

roma

Bottini. Tra i primi musei della storia ci sono quelli romani dell’epoca di Marco Vipsanio Agrippa, dove venivano esposti i bottini di guerra (e il popolo faceva la fila per vederli). Per i musei di tipo moderno, bisognerà attendere Federico II di Svevia (1194-1250) che, da collezionista di opere d’arte e di curiosità scientifiche, inventò il concetto dl museo enciclopedico, che resiste ancora oggi.

uffizi

Classifiche. Il museo più visitato del mondo è il Louvre, a Parigi, che nel 2015 ha avuto 8.600.000 visitatori. Seguono il British Museum di Londra (6.820.686 visitatori), il Metropolitan di New York (6.533.106 visitatori), i Musei Vaticani a Roma (6.002.251 visitatori), la National Gallery di Londra (5.908.254 visitatori). Al sesto posto c’è poi il National Palace Museum di Taipei (5.291.797 visitatori).
Il primo museo italiano per ordine di visitatori è la Galleria degli Uffizi e Corridoio Vasariano (in foto) di Firenze (1.971.596 visitatori), che occupa la venticinquesima posizione della classifica dei 100 musei più visitati al mondo.
Fonte: Giornale dell'arte

louvre-gioconda

Il Re dei musei. A proposito di Louvre: prende il nome dal palazzo che lo ospita e prima che Luigi XIV trasferisse la corte a Versailles era il palazzo reale. Negli ultimi decenni dell'ancien régime, i primi ministri al servizio di due re iniziarono a progettare la realizzazione a Parigi di un museo pubblico d'arte che fosse il più bello e invidiato del mondo. La prima parte del loro sogno si realizzò nel 1793, nel pieno della Rivoluzione Francese, quando sorse il Museo Centrale delle Arti. Oggi il Louvre contiene 35 mila opere d’arte, divise in 8 collezioni, è il museo più visitato e (probabilmente) il più invidiato. Anche la seconda parte del sogno si è dunque avverata.

main-toilets

Non solo arte. Nei musei si trova praticamente tutto ciò che ha a che fare con la storia della civiltà, anche… le toilette. Collezioni di WC di una certa importanza storica si trovano al Sulabh toilet museum (india) e al Toto Museum (Giappone). Molto scalpore ha destato l’ultima opera dell’artista italiano Maurizio Cattelan: un WC d’oro 18 carati installato al Guggenheim Museum di New York. «Si può visitare la sala dove è esposto per crogiolarsi nel suo bagliore - ha spiegato l'artista al New York Times - ma diventa un'opera d'arte solo quando la natura chiama e qualcuno ci si piazza sopra o davanti». C’è un precedente: l’opera del grande artista dada Marcel Duchamp intitolata "Fontana", nonostante fosse un orinatoio. Nel 2004, 500 esperti d’arte l’hanno ritenuta l’opera d'arte più influente del ventesimo secolo.

bilbao

L'economia dei musei. Si possono fare soldi con i musei? Decisamente sì, come dimostra il caso del Guggenheim Museum di Bilbao (Spagna). Costruito tra il 1991 e il 1997 da Frank O.Gehry in una città periferica e da tempo in forte recessione economica, si calcola che nel solo biennio 1998-2000 abbia generato un indotto di oltre 635 milioni di dollari. Secondo un’analisi fatta per la Unione Europea dalla Kea European Affairs, in nove anni ha portato ricavi diretti e indiretti pari a 18 volte il denaro investito nella costruzione dell’edificio. Edifico interamente rivestito in titanio e il cui aspetto ricorda quello di una nave. All'interno una collezione permanente di opere del ‘900 da De Kooning a Motherwell, da Rothko a Basquiat.

colosseo

Il Paese dei Musei. Nel nostro Paese ci sono più di 4.700 musei. Nel 2015 quelli statali, comprese le aree archeologiche e i monumenti (circa 550) hanno accolto 43 milioni di visitatori, con 155 milioni di euro di introiti. La top ten dei più visitati come da tradizione è aperta dal Colosseo, seguito da Pompei, Uffizi, Gallerie dell'Accademia di Firenze e Castel Sant'Angelo.
Leggi anche: 10 cose che (forse) non sai sul Colosseo

futuro

Il museo del futuro. Schermi 3D, videogiochi, app sempre più sofisticate e ologrammi, ma anche caffetterie e sale da meditazione: i musei del futuro proveranno a miscelare tecnologia e relax per attirare sempre più visitatori. Ma non solo: grazie ai laser a scansione 3D portatile, diversi archeologi stanno scansionando centinaia di monumenti a rischio per guerre, terrorismo e cambiamenti climatici. Creano in questo modo delle copie virtuali dei monumenti che potranno - in un futuro - essere ricreati nei musei. Per saperne di più.

Da dove nasce il nome?Museo è la traduzione di Mouseion, che in greco antico significa “luogo sacro alle Muse”. Anche l’edificio di Alessandria d’Egitto, che ospitava la grande biblioteca si chiamava museo.