Arte

10 cose che (forse) non sai su John Lennon

L'8 dicembre 1980 John Lennon veniva assassinato: l'ex Beatles aveva appena compiuto 40 anni. Oggi ne avrebbe 80. Di lui si sa quasi tutto. Quasi.

L'8 dicembre del 1980, a soli 40 anni, John Lennon fu assassinato a New York per mano di uno psicopatico. Icona della musica leggera, John Lennon è considerato uno dei maggiori songwriter di tutti i tempi. Aveva raggiunto l'apice del successo con i Beatles, la rivoluzionaria band di cui fu membro e fondatore insieme a Paul McCartney. Poi, nel 1970, si dedicò alla carriera solista e all'impegno pacifista. Fino a quella maledetta sera del 1980, quando quattro colpi di pistola misero improvvisamente fine alla sua vita trasformandolo in un mito. Ecco dieci curiosità sulla sua vita raccolte da Massimo Manzo su Focus Domande&Risposte.

1 - infanzia problematica. Nato nel 1940 a Liverpool da una famiglia della classe lavoratrice, John ebbe un'infanzia movimentata: appena due anni dopo la sua venuta al mondo i genitori si separarono, il padre si trasferì in Nuova Zelanda e lui passò gran parte dell'adolescenza dalla zia. Nel 1958 perse inoltre la madre, investita da un'auto, e tale tragedia lo segnerà profondamente.

2 - boyscout. Da bambino, John fece parte dei boyscout e partecipò alle attività del coro parrocchiale della chiesa di Saint Peter, a Liverpool, con cui iniziò a cantare. Nessuno avrebbe pensato che da grande sarebbe diventato una star rivoluzionaria e anticonformista del rock and roll.

3 - pigrone. L'amico e sodale Paul McCartney definì Lennon "l'uomo più pigro d'Inghilterra", e lo stesso John non aveva remore ad ammettere la propria indolenza, tanto da evocarla in varie canzoni, tra cui I'm so tired (1968) e soprattutto I'm only sleeping (1966), autentico elogio della pigrizia.

Mosaico di
Imagine (1971) è la canzone più famosa tra quelle realizzate da Lennon durante la sua carriera da solista e questo mosaico è al Strawberry Fields Memorial, un'area di 10.000 m2 del Central Park di New York dedicata all'ex Beatles. © Wikipedia

4 - eclettico. Oltre a essere un eccezionale musicista e songwriter, Lennon fu autore di due libri che combinavano disegni, poesie e racconti brevi, spesso basati su nonsense e giochi di parole, nonché di alcuni sketch teatrali. Il primo, intitolato In His Own Words, fu pubblicato nel 1964 ricevendo ottime recensioni da parte dei critici.

5 - isola privata. Ormai ricco e famoso, nel 1967 John Lennon acquistò Dorinish Island, un'isola deserta che si estende per poco più di 7,5 ettari vicino alle coste irlandesi. Il costo? Appena 1.700 sterline, corrispondenti a quasi 35.000 euro attuali. Dopo avere ospitato una comune hippie nel 1970, l'isola fu venduta poco dopo la morte di John e oggi è nota ai più come Beatle Island.

6 - insicuro. A detta di George Martin, storico produttore dei Beatles, John odiava la propria voce, al punto che durante le registrazioni pretendeva spesso di modificarla artificialmente o di usare la tecnica del double tracking, "raddoppiandola" per produrre un suono più forte e ampio.

7 - notti in bara. Sarcastico e spiritoso, John non disdegnava lo humor nero: secondo Allan Williams, uno dei primi manager dei Beatles, ogni tanto gli piaceva addirittura dormire per scherzo in una vecchia bara ospitata al The Jacaranda, locale di Liverpool posseduto dallo stesso Williams.

8 - ufologo. Nel 1974, mentre si trovava nel suo appartamento nel centro di New York, Lennon avrebbe a suo dire avvistato dal balcone un grande oggetto volante di forma circolare, con tanto di luci lampeggianti bianche e rosse. Per ricordare lo strano avvistamento, fece scrivere la seguente frase nella nota di copertina dell'album Walls and Bridges (uscito quello stesso anno): "Il 23 agosto 1974 alle 9 ho visto un U.F.O.".

9 - scatto fatale. Poche ore prima di essere assassinato, la sera dell'8 dicembre 1980, Lennon incrociò il proprio assassino, Mark David Chapman, firmandogli addirittura un autografo. Per un tragico scherzo del destino, l'incontro tra i due fu immortalato dal fotografo amatoriale Paul Goresh.

10 - ceneri disperse. La sua morte generò un'ondata di commozione che coinvolse milioni di persone in tutto il mondo. La moglie, Yoko Ono, decise tuttavia di non celebrare nessun funerale, cremando le spoglie di Lennon e disperdendo poi le sue ceneri. Dove? In un luogo segretissimo e tuttora ignoto.

8 dicembre 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us