I videogame di nuovo sotto accusa
Fatti di cronaca ridanno vita all'idea che i videogame più violenti siano i cattivi maestri di chi poi scende in strada e spara per davvero. Un'idea comoda, ma smentita dalla scienza e dalla realtà dei fatti.
Il cervello decide prima di noi
Un esperimento riapre un annoso dibattito nelle neuroscienze: come funziona la volontà? Esiste il libero arbitrio? Che cosa influenza la direzione di una scelta?
I segreti della mente
Due scienziati raccontano le loro ricerche sul funzionamento del cervello e sui nostri comportamenti “irrazionali”. 
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

L'immaginazione può davvero liberarci dalla paura
Immaginare un suono associato a un'esperienza traumatica in condizioni di sicurezza è efficace quanto l'esposizione al suono stesso, nell'estinguere il ricordo spiacevole. 
Perché il caffè non dovrebbe piacerci
In natura, il riconoscimento del sapore amaro si è evoluto per proteggerci da sostanze tossiche e velenose. Come mai allora l'amaro dell'espresso è, per molti, irresistibile?
Depressione post partum e sistema immunitario
Un'infiammazione nelle regioni cerebrali che regolano l'umore in seguito a gravidanze difficili sembrerebbe legata ai sintomi della condizione che interessa il 15% delle neomamme.
Gli Italiani raccontano l'America
Si apre a Milano il primo forum dedicato alle sfide per affermarsi in America. Le testimonianze di protagonisti italiani.
Come nascono i falsi ricordi?
La memoria non è un magazzino impermeabile ma un film in continuo rifacimento. E spesso esperienze che diamo per vissute non sono mai avvenute, o si sono consumate in modo diverso.
Esiste una gerarchia universale per i sensi umani?
Probabilmente no: l'importanza attribuita a vista, udito, tatto, gusto e olfatto non dipende da fattori biologici ma varia in base alla cultura di appartenenza e al linguaggio.
Come accompagnare i giovani al lavoro
Che cosa è successo a Expo Training 2018.

Contenuto a cura di Regione Lombardia.
Un'app per scoprire la depressione
L'idea è di una startup californiana: una app che cerca i sintomi della depressione  nel modo in cui usiamo lo smartphone. La comunità scientifica però è (quasi tutta) scettica...