Vincere il dolore ingannando la mente: 6 trucchi
Secondo alcuni studi è possibile, con i giusti stratagemmi, vincere paure, fobie e sensazioni fastidiose. Non solo: ci sono trucchi anche per esaltare memoria e creatività.
Maturandi, inno della Maturità di Lorenzo Baglioni
L'autore che ha già cantato le leggi di Keplero e la struttura dell'atomo, ha lanciato l'inno della maturità 2019, in collaborazione con i nostri amici di Studenti.it.
Si rischia più la morte stando a letto o seduti?
C'è un curioso indicatore di rischio (il Micromort) che permette di quantificare le probabilità di morire quando si compiono attività banali (ma anche quelle più rischiose). E che regala alcune sorprese...
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Le formule dell'amore
E no, non c'è "soltanto" l'equazione di Dirac.
Lo spot sullo studio on line per tutti
In uno spot  lo specchio di chi sceglie di formarsi online.
Ora legale: i 5 effetti collaterali del cambio
Un cambiamento che fa risparmiare energia, ma che per molti si traduce in fatica, stress e malessere.
Come dialogare con chi la pensa in modo diverso?
Un'attivista dei social media spiega in un TED Talk come discutere in modo costruttivo (per entrambi!) con chi la pensa all'opposto. Basta seguire quattro semplici regole.
Indoor e outdoor: come funziona il cervello
L'attività cerebrale messa in campo per uno stesso compito è diversa se ci troviamo all'esterno o al chiuso: forse, perché cerchiamo di compensare gli stimoli distraenti.
Troppa concentrazione, distrae: ecco perché
Strano, ma vero: anche solo aspettarsi un elemento di distrazione mentre siamo impegnati in un compito influisce negativamente sulle nostre performance.
Perché affondano le meganavi
Almeno 100 meganavi mercantili affondate in 10 anni: raramente si riesce a risalire alle cause di questi incidenti, che causano ingenti perdite in vite umane e merci.
Perché dimentichiamo le trame dei libri e dei film
Fate fatica a ricordare il contenuto di serie o romanzi che fino a pochi giorni fa avete amato profondamente? Ecco perché la nostra iperstimolata memoria ci gioca questo brutto scherzo.