Guardarsi negli occhi? Non sempre è buon segno
Altro che segno di sincerità o di onestà: se qualcuno ci guarda negli occhi mentre ci parla, non è detto che abbia buone intenzioni...

 
Perché l'istruzione salva il cervello dal declino
Le regioni della corteccia cerebrale ispessite da un numero maggiore di anni di studio sono caratterizzate da un'espressione potenziata di geni benefici per il cervello.
Basta videogame! Perché con i figli è una lotta?
Per i ragazzi è difficile interrompere il gioco, ma questa non è dipendenza dalla tecnologia. È biologia: l'area cerebrale che controlla impulsi e decisioni non è del tutto matura fino ai 25 anni.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Perché i dolci piacciono così tanto?
Perché i cibi zuccherini sono percepiti come piacevoli, mentre quelli amari suscitano diffidenza?
Come guarire dal mal d'amore
Il tuo ex ti ha lasciato e ti senti uno straccio? Per superare la botta ecco tre strategie scientifiche che funzionano (nel lungo termine).
Gli occhialuti sono più intelligenti
Non è soltanto uno stereotipo: esiste un legame genetico tra performance cognitive e difetti visivi. Ma i quattrocchi sono anche più longevi e meno a rischio ipertensione.
Le parole prima di morire
Uno studio ha analizzato le ultime dichiarazioni dei condannati prima della sentenza capitale: più che rabbia o paura, nei loro discorsi prevalgono emozioni positive, dall'amore al perdono.
Mentiamo col sorriso: è scientifico
Non ci si può più fidare neanche di un sorriso: potrebbe nascondere una subdola bugia.
Dipendenza dalla tecnologia: sei cose da sapere
La tecnologia è come una droga? Porta a un maggior numero di suicidi? Il dibattito è aperto.
Fidarsi (dell'intuito) è bene. Ecco perché
L'esaltazione del pensiero analitico ha attribuito alle sensazioni "di pancia" la fama di reazioni primitive e inaffidabili: eppure sono anch'esse predizioni del cervello, spesso molto efficaci.
Perché i nomi ci rallentano il discorso
Uno studio ha misurato il tempo necessario per pronunciare verbi e sostantivi. Con i nomi impieghiamo molto di più, come se il nostro cervello dovesse fare uno sforzo maggiore.