Punto G: chi l'ha visto?

Il punto G non è un punto e non si chiama G. Pertanto, non è vero che le donne che non raggiungono l'orgasmo non hanno il punto G.

puntogorgasmodonnesesso

Il cosiddetto punto G - "pulsante" del piacere sessuale femminile, scoperto da Ernest Gräfenberg nel 1950 - esiste o non esiste?

 

«Il punto G esiste, ma non è un punto e non si chiama G», chiarisce  Emmanuele A. Jannini, docente di Endocrinologia e Sessuologia medica all’Università Tor Vergata di Roma e autore dei vari studi pubblicati sul Journal of Sexual Medicine.

Precisa l'esperto: «In ogni donna esiste un’estesa e variabile area anatomica detta Cuv  - l'acronimo sta per complesso “clitoro-uretro-vaginale”  - che comprende il clitoride, l’uretra e la parete anteriore della vagina. Sono proprio queste zone, in comunicazione tra loro, che durante il rapporto sessuale reagiscono in modo più o meno intenso alla stimolazione - anche in relazione dello stato ormonale - , provocando quindi l’orgasmo femminile».  Quindi, sfatiamo una volta per tutte uno dei tanti falsi miti sul sesso: le donne che non raggiungono l'orgasmo non hanno il punto G. 

 

02 Aprile 2019 | Fabrizia Sacchetti