Sessualità

Punto G: chi l'ha visto?

Il punto G non è un punto e non si chiama G. Pertanto, non è vero che le donne che non raggiungono l'orgasmo non hanno il punto G.

Il cosiddetto punto G - "pulsante" del piacere sessuale femminile, scoperto da Ernest Gräfenberg nel 1950 - esiste o non esiste?

«Il punto G esiste, ma non è un punto e non si chiama G», chiarisce Emmanuele A. Jannini, docente di Endocrinologia e Sessuologia medica all’Università Tor Vergata di Roma e autore dei vari studi pubblicati sul Journal of Sexual Medicine.

Precisa l'esperto: «In ogni donna esiste un’estesa e variabile area anatomica detta Cuv - l'acronimo sta per complesso “clitoro-uretro-vaginale” - che comprende il clitoride, l’uretra e la parete anteriore della vagina. Sono proprio queste zone, in comunicazione tra loro, che durante il rapporto sessuale reagiscono in modo più o meno intenso alla stimolazione - anche in relazione dello stato ormonale - , provocando quindi l’orgasmo femminile». Quindi, sfatiamo una volta per tutte uno dei tanti falsi miti sul sesso: le donne che non raggiungono l'orgasmo non hanno il punto G.

2 aprile 2019 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us