Sessualità

Pornografia preistorica?

Trovata una "Venere" di 35mila anni fa scolpita nell'avorio di mammuth. È la più antica rappresentazione del corpo femminile. Fa pensare che l'arte del paleolitico fosse molto più ricercata di quanto ritenuto finora. E sembra suggerire - ad alcuni ricercatori - che l’arte preistorica avesse un debole per l’erotismo. [GMB - 14 maggio 2009]

A vederla distrattamente sembra una pigna un po’ strana. In realtà è uno dei più antichi esempi di arte figurativa del mondo. Si tratta di una scultura femminile in avorio di mammut ritrovata nel settembre del 2008 scavando nella grotta di Fels (Hohle Fels), nella Germania sud-occidentale.
Ora grazie alla datazione al radiocarbonio i ricercatori sono riusciti a stabilire che risale a un periodo compreso fra i 31.000 e i 40.000 anni, agli albori del periodo cosiddetto Aurigniaziano. Per fare un confronto, la famosa "Venere di Willendorf", il più celebre esempio di scultura paleolitica, secondo le più recenti datazioni risale a 22-24.000 anni fa.

Pin up preistorica
La statuina - poco meno di 6 centimetri di altezza e 3,4 di larghezza - farebbe pensare che l'arte del paleolitico fosse molto più ricercata di quanto ritenuto finora, secondo il Nicholas Conard, l'archeologo dell'Università di Tubinga che l'ha ritrovata.
Presenta seni esageratamente ampi, una vulva allargata e pur mancando di testa e braccio sinistro è conservata molto bene. P
roprio il seno prosperoso e la sua sessualità esplicita ha incuriosito i ricercatori. Non è ancora chiaro quale fosse l’utilizzo della statuetta e il significato che le era attribuito. Forse veniva impiegata dagli sciamani, ma poteva anche essere semplice pornografia. È la tesi di Paul Mellars, antropologo della Stony Brook University di New York per il quale l’attenzione al sesso è presente in molti artefatti del periodo, dai simboli fallici scolpiti sulle corna di bisonte, alle vagine dipinte sui muri. Secondo Mellars, «gli artisti del tempo andavano matti per il sesso».
Meno spudorata (e forse più credibile) è invece la spiegazione di altri ricercatori, per i quali la “Venere di Hohle Fels”, come è stata ribattezzata la statuina, era un amuleto per la fertilità o una rappresentazione della divinità della fertilità.

14 maggio 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us