Sessualità

Perché ci baciamo con gli occhi chiusi?

Per godere al meglio delle sensazioni di un bacio, il cervello non vuole distrazioni. E chiudere gli occhi è il miglior modo per concentrarsi su questo atto d'amore.

In certi momenti di intimità, come quelli in cui ci si bacia, non riusciamo a concentrarci su due sensazioni contemporaneamente: è quanto risulta da uno studio degli psicologi della Royal Halloway, presso l'Università di Londra. Nel corso dei loro esperimenti, i ricercatori hanno notato che, durante il bacio, il cervello ha bisogno di rivolgere l'attenzione a ciò che si sta facendo, e per questo si chiudono le palpebre. Tenerle aperte potrebbe infatti indurre a distrarsi, guardando l'ambiente circostante o continuando a pensare all'attività in corso fino a un attimo prima del bacio.

Cervello al bacio. In un test, a 16 volontari è stato chiesto di svolgere compiti mentali e visivi mentre dei dispositivi applicati alle loro mani emettevano leggere vibrazioni. I risultati hanno mostrato che i partecipanti erano meno sensibili alle stimolazioni tattili mentre erano impegnati in attività visive. Il cervello, infatti, faticherebbe a elaborare gli input visivi in presenza di un altro stimolo sensoriale, specialmente se legato al tatto. Così, secondo i ricercatori, chiudere gli occhi rende disponibili maggiori risorse mentali da dedicare ad altri aspetti della nostra esperienza, come le sensazioni percepite da labbra e lingua.

24 ottobre 2023 Roberto Mammì
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us