Sessualità

Ci masturbiamo da 40 milioni di anni! Ecco come si è evoluta la masturbazione

La masturbazione era un comportamento già presente nel comune antenato di scimmie, esseri umani e scimmie antropomorfe: ma perché si è evoluta?

Un gruppo di biologi andato a caccia delle radici evolutive della masturbazione ha scoperto che questo comportamento era già presente e diffuso decine di milioni di anni prima della comparsa dell'uomo. L'autoerotismo era già praticato dal comune antenato di tutte le scimmie di piccole e grandi dimensioni, nonché dell'uomo, 40 milioni di anni fa.

Oltre al piacere avrebbe avuto anche altri utili risvolti, come aumentare le chances di concepimento e tenere alla larga le infezioni sessualmente trasmissibili. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Proceedings of the Royal Society B.

Normale e onnipresente. «C'è chi pensa che la masturbazione sia in un certo senso sbagliata, o innaturale: è in realtà un comportamento perfettamente naturale, che fa parte di un sano repertorio di abitudini sessuali», spiega Matilda Brindle, antropologa di University College London a capo della ricerca. «Non è qualcosa che alcune specie hanno iniziato a fare dall'oggi al domani, ma un tratto antico, evoluto».

Per rompere i tabù attorno alla ricerca sulla masturbazione e comprenderne le origini, Brindle e colleghi hanno raccolto informazioni da circa 400 fonti, inclusi articoli scientifici, questionari e annotazioni compilati da primatologi e personale degli zoo. Hanno poi mappato questi dati sull'albero genealogico dei primati, scoprendo che la masturbazione è diffusa tra tutti i rappresentanti di quest'ordine, di ogni sesso ed età, e risalendo così alla sua antica origine evolutiva.

Già... "pronti". Meno chiari sono i motivi per i quali questa abitudine, apparentemente distraente e poco "utile" rispetto agli esiti riproduttivi dell'accoppiamento, si è evoluta. Lo studio propone alcune ipotesi, almeno per la masturbazione maschile, storicamente più studiata.

L'autoerotismo potrebbe aver avuto un ruolo nell'aumentare le possibilità di concepimento, soprattutto per i maschi non dominanti: potrebbe essere servita e servire tutt'ora ad aumentare l'eccitazione sessuale prima dell'incontro con le femmine e diminuire il tempo effettivo dell'accoppiamento, nel quale i maschi non-alfa sono più vulnerabili all'aggressione di quelli dominanti.

Un meccanismo disinfettante. La masturbazione potrebbe anche servire a disfarsi dello sperma vecchio e meno efficace lasciando nuove riserve di spermatozoi veloci e sani pronte per gli incontri sessuali con le partner.

Un'altra possibile spiegazione è che l'autoerotismo sia servito, nella storia, a tenere pulito il tratto genitale e diminuire le probabilità di trasmissione di infezioni sessuali. La masturbazione nei primati sembra infatti essersi diffusa di pari passo con le malattie sessualmente trasmesse.

Decido io! Più fumosa e bisognosa di nuovi studi è la causa evolutiva della diffusione della masturbazione femminile. Per Brindle e colleghi questo atto potrebbe aver garantito alle femmine di primati una qualche forma di controllo sul maschio da cui preferiscono rimanere incinte. Rendendo l'ambiente della vagina meno acido creerebbe infatti condizioni più ospitali per gli spermatozoi.

8 giugno 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us