Sessualità

Maschi alla prova bikini

La scienza affronta un misterioso problema, tipico dei maschi: perché la vista di un bikini li spinge a comportamenti compulsivi? Finalmente, ecco la risposta! (11 giugno 2008)

Tutte quelle cose stupide che i maschi fanno dopo avere adocchiato una bellezza in bikini sarebbero la banale compensazione del desiderio sessuale insoddisfatto... Perciò, signori uomini, attenzione: perché l'arrivo dell'estate e del suo carico di bikini e fanciulle discinte può mettere a serio rischio la vostra linea (con grandi abbuffate) e un po' anche il vostro conto in banca (con acquisti sconsiderati). Sono queste le conclusioni dello studio di Bram Van Den Bergh, giovane psicologo dell'Università Cattolica di Leuven (Belgio), e del suo staff: gli scienziati hanno preso un gruppo di volontari e li hanno sottoposti a una serie di impegnative prove. Per esempio, hanno fatto vedere (e toccare) loro della biancheria intima. Risultato: dopo l'esposizione a reggiseni e mutandine i partecipanti al test si sono dimostrati molto più interessati alla ricerca di una gratificazione immediata che al loro futuro. Secondo i ricercatori, questo accade perché il nostro cervello dispone di un unico centro per il controllo degli "appetiti", e ciò mette sullo stesso piano lo stimolo sessuale e, per esempio, l'odore del pane appena sfornato. Entrambi inducono il desiderio di ottenere una soddisfazione immediata, sia essa una michetta fragrante, un bicchiere di vino o due chiacchere con una bella ragazza. Da qui la conclusione di Van Den Bergh: il desiderio sessuale non soddisfatto provocato dalla "lingerie" stimola nel maschio un bisogno di compensazione legato a un ancestrale istinto di sopravvivenza. Ma se mangiare, per esempio, soddisfa questa ipotesi (perché nel nostro remoto passato aumentava le possibilità di riprodursi) come la mettiamo con gli acquisti sconsiderati?

11 giugno 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us