Foto al bacio

Lungo. Strappato. Esibito. Tra un uomo e una donna. Tra uomini. Tra donne. D'amore o d'amicizia. Sulle labbra, sulle guance, sulle mani, sui piedi. Su un trofeo, sulla terra. Ci sono infiniti modi di dare baci e di scambiarseli.

20057513253_820057513211_820057513526_82005751344_820057513445_820057513138_8200575131457_8200575131126_8200575131225_820057513749_8200575131625_8200575131352_8iber_76784_webApprofondimenti
20057513253_8

Dall'affetto fraterno alla passione, dalla provocazione al saluto di tutti i giorni. Il bacio suggella i momenti più importanti della nostra vita, ma è cambiato nel tempo e nelle culture. In questa fotogallery scopriamo come...

Il primo bacio della storia è stato forse quello di Adamo ed Eva, ma da allora ha fatto molti passi. Gli antichi cristiani lo scambiavano come segno di pace durante la messa; costume che fu poi abolito nel Tredicesimo secolo.
I romani lo usavano come saluto tra le classi più elevate, ma l'imperatore Tiberio nel primo secolo a.C. lo vietò. Si riteneva infatti che fosse responsabile di una malattia che deturpava il viso.
Nella foto, la coreografia di un balletto del Tokyo Ballet.

20057513211_8

Solo recentemente si è riusciti a convincere i politici russi a non perdersi in lunghi cerimoniali che ritardavano il proseguimento dell'attività politica vera e propria: secondo la tradizione infatti gli uomini devono baciarsi per tre volte a ogni incontro ufficiale. In passato il bacio dello zar era considerato addirittura la più alta forma di riconoscimento.
Tra i politici più "affettuosi", Leonid Brezhnev, segretario generale del partito comunista dal 1964 al 1982, era famoso per i baci scoccati direttamente sulle labbra dei suoi colleghi. Uno dei suoi baci al leader della Germania dell'Est fu immortalato sul muro di Berlino, con una polemica didascalia: "Dio, salvami da questo letale amore".

20057513526_8

Se il bacio "sociale", come gesto cioè che cementa le relazioni sociali, è in declino, il bacio erotico è in gran spolvero. Quello tra persone dello stesso sesso è ancora provocatorio, ma sempre più tollerato: nella foto, quello che fece "tremare" la cerimonia degli MTV Awards del 2003 tra le rockstar Madonna e Britney Spears.
Ma perché ci baciamo?
Secondo Freud, l'allattamento al seno è il preludio al futuro bacio erotico. Gli antropologi lo accostano al nutrimento bocca a bocca, un antico metodo per allevare i bambini ancora presente in alcune popolazioni primitive.

2005751344_8

E gli animali si baciano? Gli uccelli usano il bacio e lo strofinamento del becco come dimostrazione d'affetto: il gesto deriva infatti dal modo in cui i genitori nutrono la covata che viene imboccata di cibo precedentemente masticato. Anche gli scimpanzé si baciano a bocca aperta, i bonobo addirittura preferiscono il bacio "alla francese", con profonde esplorazioni della bocca.
Tra i pesci, l'anabantide indonesiano (Helostoma temmincki) è detto anche pesce baciucchione, ma nel suo caso il bacio è tutt'altro che amichevole: i maschi ingaggiano combattimenti ritualizzati in cui si fronteggiano con le bocche unite a ventosa.
Nella foto, il bacio di avvicinamento di due pesci farfalla mascherati nel Mar Rosso.

20057513445_8

Se vi manca la parola, il modo migliore per acquistarla è, secondo la leggenda, baciare la Blarney Stone, la pietra dell'eloquenza, custodita in un antico castello irlandese, il Blarney Castle, appunto. La credenza deriva probabilmente dalla lamentela della regina Elisabetta I verso uno dei proprietari del castello che sarebbe riuscito a tenere testa a sua Maestà con la sua parlantina. Alla fine, il termine blarney è entrato nella lingua inglese e significa "lusingare".
Particolarmente arzigogolato il modo per scoccare il fatidico bacio: dopo 1200 scalini, ci si deve sdraiare sulla schiena e rimanere sospesi nel vuoto!
Certo dal modo in cui si danno i baci si può capire davvero molto…

20057513138_8

"Kiss and run", bacia e scappa: potrebbe essere il monito per questo ardito incantatore di serpenti che si azzarda a "flirtare" con un temibile serpente cobra. In realtà, il "kiss and run" è un processo che avviene durante la trasmissione di informazioni tra cellule nervose (sinapsi).
La sinapsi è in particolare il luogo in cui l'impulso elettrico produce l'esocitosi, cioè il rilascio di una sostanza chimica che svolge il ruolo di neurotrasmettitore (il mediatore chimico della trasmissione nervosa). Questo rilascio avviene in vari modi, tra cui appunto il kiss and run.

200575131457_8

In epoca precristiana si pensava che con il bacio ci fosse uno scambio di anima attraverso il respiro. In epoca moderna, il bacio è stato messo più volte sotto inchiesta come portatore di malattie a causa dello scambio di saliva.
Accuse infondate nel caso dell'infezione da Hiv, il virus responsabile dell'Aids, che si trasmette con i rapporti sessuali o se il sangue di un sieropositivo entra in contatto con quello di una persona sana. Nonostante ciò, un recente studio americano ha rivelato che molti genitori con l'Hiv limitano i contatti fisici coi loro figli per l'infondata paura di un'eventuale infezione.
Fondatissime invece le paure di questi due sposi cinesi con la mascherina anti Sars (Sindrome acuta respiratoria severa), l'influenza che nel 2003 ha stroncato centinaia di vittime nel mondo.

200575131126_8

Il primo vero bacio lo riceviamo dalla mamma: questo in particolare è passato alla storia perché il piccolo è un neonato molto speciale. È il 6 miliardesimo (simbolico) abitante della Terra ed è nato a Sarajevo nel 1999.
E voi il vostro primo bacio ve lo ricordate? Cliccate qui per scoprire cosa sono riusciti a ricavare gli scienziati da questa memoria incancellabile...

200575131225_8

Artisti, fotografi e registi sono stati attratti da sempre dal bacio tra un uomo e una donna e dalla potente carica emotiva che sprigiona. Questa di Picasso - opera che risale al 1969 in cui le forme dei due amanti quasi si confondono - è solo una delle numerose testimonianze nel corso dei secoli.
Nel cinema il primo bacio risale al 1896 quando in un cortometraggio di 30 secondi, intitolato proprio The Kiss (Il Bacio), una coppia veniva immortalata stretta in un bacio appassionato.
Quello più lungo sullo schermo risale invece al 1941: occupò ben 3 minuti e 5 secondi di un film americano intitolato "You're in the Army now".

20057513749_8

Chissà che alito avrà avuto il rospo nella favola della principessa costretta a baciarlo per riavere il suo principe…
Oggi strumento indispensabile per le prove di coraggio di moderne principesse potrebbe essere l'alito-detector. Di fabbricazione giapponese, il Fresh Kiss HC-201 è un aggeggio portatile messo in circolazione nel 1999 e che nel primo anno di commercializzazione è stato venduto in 800 mila pezzi.
Sul display il responso va da " impercettibile" a "alitosi molto pesante". Quella della foto è una vera principessa, Marta Luisa di Norvegia: chissà che sarà accaduto dopo il suo bacio...

200575131625_8

Ormai è un appuntamento fisso quello che attira in Romagna i baciatori "acquatici" più accaniti: si tratta dell'International Kiss Event, giunto alla diciassettesima edizione, in cui ci si sfida a colpi di baci subacquei e che quest'anno sarà in tournee in tutta Italia. Sipartirà dal 10 luglio, quando è stata indetta la Giornata mondiale del bacio.
A conferma che gli italiani sono un popolo caliente, c'è da dire che il record mondiale del bacio in apnea (1 minuto e 24 secondi) appartiene proprio a una coppia italiana. Anche il bacio più lungo fuor d'acqua è stato stabilito in Italia, da una coppia che lo ha stabilito baciandosi ininterrottamente per 31 ore e 18 minuti. Più di un giorno passato labbra su labbra, senza mangiare, bere e andare al bagno.

200575131352_8

Il primo appuntamento era stato organizzato per battere l'ennesimo record, ora i filippini c'hanno preso gusto. Parliamo del "Lovapalooza", un festival del bacio che si svolge a Manila in cui allo scadere della mezzanotte del 13 febbraio, migliaia di coppie festeggiano l'arrivo del giorno di San Valentino baciandosi contemporaneamente per 10 secondi. Il record era stato battuto da 5.327 coppie, per la precisione, nel febbraio del 2004.

iber_76784_web

Di artisti versatili in questa sezione, ne abbiamo già visti parecchi: c'è chi dipinge col trattore, chi con le unghie e chi scrive poesie con la punta del naso. Natalie Irish, una ragazza di Houston, Texas, realizza i suoi capolavori utilizzando le labbra. Dopo averle ripassate con uno spesso strato di rossetto, al posto che tamponarle con un fazzoletto le appoggia direttamente sulla tela. Facendo pressione modula l'intensità del colore e modifica le sfumature. Con la scusa dell'arte ha riempito gli armadi di lucidalabbra e rossetti di ogni tonalità. Ma arrivata a sera, confida, avverte una certa stanchezza alla muscolatura facciale.

Dall'affetto fraterno alla passione, dalla provocazione al saluto di tutti i giorni. Il bacio suggella i momenti più importanti della nostra vita, ma è cambiato nel tempo e nelle culture. In questa fotogallery scopriamo come...

Il primo bacio della storia è stato forse quello di Adamo ed Eva, ma da allora ha fatto molti passi. Gli antichi cristiani lo scambiavano come segno di pace durante la messa; costume che fu poi abolito nel Tredicesimo secolo.
I romani lo usavano come saluto tra le classi più elevate, ma l'imperatore Tiberio nel primo secolo a.C. lo vietò. Si riteneva infatti che fosse responsabile di una malattia che deturpava il viso.
Nella foto, la coreografia di un balletto del Tokyo Ballet.