Sessualità

Chi guarda film porno tradisce di più?

Secondo un nuovo, controverso studio americano, chi consuma pornografia vede il sesso extraconiugale come qualcosa di normale e gratificante. Per questo sarebbe più portato all'infedeltà coniugale.

Le persone che guardano filmati pornografici sarebbero le più infedeli? Secondo una nuova ricerca pubblicata su Psychology of Popular Media Culture potrebbe essere proprio così.

Poiché nella pornografia il sesso extraconiugale è visto come qualcosa di normale e di gratificante, diversi studi psicologici recenti hanno cercato di capire se anche le persone che consumano abitualmente pornografia sono più portati a tradire il partner.

Domande indiscrete
Per questo studio, basato in realtà su un numero ristretto di persone, i ricercatori hanno intervistato 551 adulti sposati degli Stati Uniti. Per riuscire a capire se erano abituali consumatori di pornografia, sono state fatte loro domande del tipo: «Avete visto un film hard nell'ultimo anno?». E per capire la loro predisposizione all'infedeltà: «Cosa pensate di una persona sposata che ha avuto rapporti sessuali con una persona diversa dal coniuge?».

Infedeltà e... divorzi
Dopo aver esaminato le risposte e incrociato i dati, i ricercatori sono arrivati alla conclusione: chi consuma più pornografia è più propenso a ritenere normale il sesso extraconiugale. E quindi anche ad essere infedele con il partner. La ricerca è interessante da un punto di vista comportamentale ma ha diversi limiti. I più evidenti sono il campione statistico (molto limitato) e la struttura delle domande (che si prestano alla mancanza di sincerità nelle risposte). E le conclusioni si prestano a numerose critiche. Se valgono gli stessi meccanismi, chi guarda molti film di guerra potrebbe essere più propenso alla vendetta e alla violenza.

Ti può interessare anche

ASCII porn: il porno online a punti e virgole
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Domande indiscrete
Per questo studio, basato in realtà su un numero ristretto di persone, i ricercatori hanno intervistato 551 adulti sposati degli Stati Uniti. Per riuscire a capire se erano abituali consumatori di pornografia, sono state fatte loro domande del tipo: «Avete visto un film hard nell'ultimo anno?». E per capire la loro predisposizione all'infedeltà: «Cosa pensate di una persona sposata che ha avuto rapporti sessuali con una persona diversa dal coniuge?».

Infedeltà e... divorzi
Dopo aver esaminato le risposte e incrociato i dati, i ricercatori sono arrivati alla conclusione: chi consuma più pornografia è più propenso a ritenere normale il sesso extraconiugale. E quindi anche ad essere infedele con il partner. La ricerca è interessante da un punto di vista comportamentale ma ha diversi limiti. I più evidenti sono il campione statistico (molto limitato) e la struttura delle domande (che si prestano alla mancanza di sincerità nelle risposte). E le conclusioni si prestano a numerose critiche. Se valgono gli stessi meccanismi, chi guarda molti film di guerra potrebbe essere più propenso alla vendetta e alla violenza.

Ti può interessare anche

Presi nella Rete del sesso
VAI ALLA GALLERY (N foto)

In fondo in fondo... è un piacere
VAI ALLA GALLERY (N foto)

19 maggio 2014 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us