Maturità 2018: in bocca al lupo!
Al via oggi l'Esame di Stato, con la prima prova scritta.
Maturità 2018: il toto-tema degli studenti
Le previsioni dei maturandi sulla traccia della prima prova scritta agli esami: dal sequestro Moro ai 70 anni della Costituzione, fino agli spunti attuali su privacy e gestione dei dati sul web.
Maturità: 10 dritte scientifiche per superarla al meglio
Panico da esame di Stato in arrivo? I consigli degli scienziati. 
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Ci si può laureare in astrologia?
Esistono facoltà dove imparare a fare gli oroscopi? Hanno valore legale? Servono a qualche cosa?
Siamo tutti scienziati (alla nascita)
Come mini-ricercatori, i bambini fino a 6 anni pensano proprio come chi fa esperimenti complessi.
Si accende la Notte Europea dei Ricercatori
Venerdì 28 settembre in 300 città europee e 24 località italiane si terranno iniziative per far conoscere il lavoro dei ricercatori e la sua utilità: una serata animata da concerti, esperimenti, conferenze e laboratori aperti a tutti.
Calculator
La calcolatrice predefinita di Android non brilla certo per completezza: è semplice e pratica, ma nulla di più. Calculator, invece, ha lo stesso nome e la stessa icona, eppure offre tante altre funzioni, come le migliori calcolatrici scientifiche.
Così si studia meglio
Cinque consigli per facilitarsi la vita e puntare al massimo dei voti.
Scuola: 12 domande... Quante ne sai?
Ribaltiamo la scuola è l'inchiesta di Focus 240 sulle nuove tecnologie per la scuola: bastano tablet e internet per modernizzarla? Intanto, ecco 12 domande dai test di valutazione su 400mila studenti.
Scuola: nuove tecnologie e vecchi problemi
Tablet, ebook, lavagne intelligenti, videogiochi, social network... La scuola tecnologica e multimediale è qui. Ma "funziona"? Cerchiamo una risposta in queste pagine e con l'inchiesta "Ribaltiamo la scuola", in edicola su Focus 240.
Uomini&Dinosauri a braccetto
Con la riforma del sistema scolastico voluta dal Governatore Repubblicano Bobby Jindal, ora anche le famiglie meno abbienti potranno permettersi di iscrivere i propri figli a scuole private. Il tutto grazie a dei voucher. Il sistema, però, ha subito mostrato qualche crepa e raccolto molte critiche.