Perché Internet non ci fa cambiare idea?

Una ricerca sui nostri comportamenti quando cerchiamo informazioni online sembra dimostrare che prestiamo attenzione solamente a ciò che già conosciamo, snobbando quello che invece è veramente...

spl_t465328-online_318x212
|

Perché Internet non ci fa cambiare idea?
Una ricerca sui nostri comportamenti quando cerchiamo informazioni online sembra dimostrare che prestiamo attenzione solamente a ciò che già conosciamo, snobbando quello che invece è veramente nuovo. È per davvero questo il comportamento dei navigatori? Ne abbiamo parlato con Marco Lombardi, docente di Sociologia all'Università Cattolica di Milano. (Elisabetta Intini, 15 maggio 2008)

 

Avventurarsi in una ricerca online è come aprire un armadio stracolmo di libri: veniamo subito travolti da una quantità di informazioni...

 

IO MI CURO DA SOLO

 

Enrico Coiera

 

CAMBIARE IDEA? MICA FACILE!

 

Marco Lombardi

 

COSÌ SI ABBATTE LA COMPLESSITÀ

 

Ci caschiamo (quasi) sempre
Il meccanismo di selezione delle informazioni che mettiamo in atto sulla base di quello che già sappiamo entra in gioco ogni volta che siamo chiamati a confrontarci con una nuova "scoperta". Ma oltre ai nostri pregiudizi, ci sono altri fattori che condizionano le nostre ricerche online.

 

Noi e il Web: soli davanti al monitor... Di fronte alla "complessità" di Internet capita anche di sentirsi così, ma non è solamente Internet a farci questo effetto.

 

Marco Lombardi

 

L'ULTIMO CLIC...

 

La soluzione è una nuova generazione di software?
Immaginate un motore di ricerca "avanzato", capace di filtrare e organizzare le informazioni trovate durante una ricerca. Potrebbe farci superare i nostri pregiudizi? Forse, ma potrebbe anche essere una soluzione peggiore del male...

 

Il Cyberspazio: una grande scatola piena di... TUTTO! Come districarsi tra così tanti input?

 

Coiera

 

RICERCHE GUIDATE? SOLTANTO A CONDIZIONE CHE...

Secondo Lombardi «un motore che seleziona per noi le informazioni è comodo, ma incoraggia la pigrizia! È stato costruito da qualcun altro, secondo modalità per la ricerca che non sono le nostre... In pratica ci viene offerta una piccola finestra cognitiva, una cornice che limita il nostro sguardo sulla realtà. È senz'altro utile, ma chiude anche molte altre possibilità di ricerca, che altrimenti sarebbero rimaste aperte! A meno che questo software non sia davvero capace di imparare da noi, anche in più round successivi, in quale modo cerchiamo e organizziamo la conoscenza tratta dalla Rete.»

 

IL RITORNO DEI SELEZIONATORI

 

IO NON CAMBIO IDEA!

 

è in contraddizione con l'idea stessa di Internet?

 

Focus

 

Motori che non partono
Nuove soluzioni per le nostre ricerche online? Lo sviluppo di motori originali è però un'attività oggi confinata nelle università: è una delle conseguenze della "guerra dei motori", ancora in corso tra Google, Yahoo e Microsoft. C'è ancora chi prova a offrire qualcosa di diverso, ma quanto resisterà?

 

Il motore di ricerca della Princeton
Il 3D model search engine, l'esperimento della Princeton University (Usa).

 

WEB-DIVERSITÀ

 

tiltomo.com

 

TROVAMI QUESTO DISEGNO

 

3D model search engine

 

grokker.com
La finestra di Grokker.
VAI CON LE MAPPE!

 

mooter.com

 

KartooVisu.com

 

Grokker

 

15 maggio 2008