Scuola e Università

Lo Zimbabwe sogna l’iPad a energia solare

Il ministro africano sogna una tavoletta a energia solare per gli studenti.

La notizia di un accordo tra Apple e lo Zimbabwe per la realizzazione di un iPad a energia solare è circolata per alcuni giorni sul web. In realtà non esiste alcuna partnership, ma solo il desiderio del ministro del paese africano di portare i suoi studenti nel nuovo millennio.

Le parole di David Coltart - ministro dell’educazione dello Zimbabwe - pubblicate sul suo profilo di Facebook sono state male interpretate e in effetti, fino alla sua smentita (e a quella di Apple) sembrava un progetto umanitario di tale portata che era impossibile non scriverne. Lo stavamo per fare anche noi finché, facendo qualche ulteriore ricerca, abbiamo scoperto che qualcosa non quadrava.

Il ministro scriveva entusiasta su Facebook che c’era stato un favoloso incontro con Apple a Parigi per svelare il progetto “School Box” per portare gli iPad 2 a energia solare nelle scuole più povere e remote dello Zimbabwe e che sperava che il primo programma pilota sarebbe già iniziato dal prossimo anno. E che era molto eccitato all’idea di collaborare con Apple sul progetto.

Il ministro, in realtà, era a Dublino dove aveva appena incontrato alcuni rappresentanti dello IADT (Institute of Art, Design and Technology) che stanno progettando un kit per le scuole - che include davvero un iPad 2 - oltre a un caricatore a batteria solare e un proiettore per improvvisare lezioni all’aria aperta in zone rurali dell’Africa e dell’India. Si tratta di un bel progetto che però non è in alcun modo collegato ad Apple, anche se pare siano in corso delle trattative tra lo IADT e Cupertino. Ed è forse questo a cui si riferiva il ministro nel suo post accennando a quel “favoloso incontro a Parigi”.

È invece già realtà il progetto indiano Aakash, un tablet super economico con schermo touch da 7 pollici fortemente voluto dal governo di Nuova Delhi per consentire alle nuove generazione di familiarizzare con i dispositivi elettronici che saranno il futuro. (sp)

Barche, aerei e frigoriferi a energia solare

31 ottobre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us