E ora l'e-book controlla se hai studiato

Una società americana specializzata in testi digitali lancia un software che "spia" le abitudini di lettura e sottolineatura degli studenti. Così i professori staneranno chi non ha aperto il libro.

textbooks-
Sto studiando, lo giuro! Avere un unico e-reader per diversi tipi di testi - anche quelli scolastici! - può essere comodo. Ma potrebbe avere risvolti spiacevoli per gli studenti, la cui privacy sarà messa a dura prova dai software che controllano quanto si è studiato.

Studenti dell'ultimo minuto, attenti: in futuro bluffare durante un'interrogazione se non avete aperto il libro potrebbe risultare estremamente complicato. CourseSmart, una società statunitense leader nel settore dei libri di testo digitali, ha messo a punto un sistema di verifica online che monitora le abitudini di studio degli alunni che adottano i suoi e-book. Si chiama CourseSmart Analytics, ma molti l'hanno già ribattezzato il "Grande Fratello" dell'istruzione USA.

Per chi suona l'iCampanella: nuove tecnologie della scuola digitale

Dentro l'e-book

Sapevate che il genere erotico è tra i più gettonati nelle librerie online? E che il libro di carta stravince sul digitale quando si tratta di leggere una storia ai bambini? Qual è l'età media del lettore italiano di e-book? 

Tutto quello che vorreste sapere sul mondo dei libri digitali nell'articolo "Luci e ombre degli e-book" su Focus 247, in edicola dal 18 aprile 2013.

Leggi l'anteprima

Tu leggi, io ti spio
Poiché il software opera sulle cloud, ogni volta che uno studente accede al testo, le pagine lette sono registrate e tracciate come avviene per le pagine viste su un sito web.

Non solo, CourseSmart sa dire ai professori quanto tempo in media ciascuno ha passato sui libri - virtuali - e se gli alunni hanno sottolineato o preso appunti sul proprio tablet o e-reader.

Tutti questi dati sono resi disponibili agli insegnanti su una schermata di controllo, che evidenzia se un membro della classe è rimasto indietro e quali sono gli argomenti che hanno dato più filo da torcere.

L'azienda californiana, che ha in catalogo oltre 20 mila titoli e collabora con i più importanti editori USA di testi scolastici (come Pearson, McGraw Hill-Education e Cengage Learning) ha diffuso la versione beta del corso in alcuni college e università americani - come la Texas A&M University - ma è pronta ad allargare l'esperimento in autunno.

[Scopri anche I 10 professori  più fighi del web]

Il corso è pensato per le classi molto affollate in cui i docenti non riescono a monitorare costantemente i progressi degli alunni, e va usato in abbinamento ad altri strumenti come test scritti e interrogazioni orali. Ognuno, si sa, ha il proprio metodo di studio e c'è chi con una rapida lettura riesce ad assimilare già tutto: non sarebbe giusto penalizzarlo solo perché ha aperto il libro solo una volta. Così come c'è chi preferisce prendere appunti e schematizzare a mano su un foglio di carta: di questo lavoro il software non può ancora tenere traccia.

Come prevedibile gli studenti hanno già trovato il modo di aggirare i controlli di questo Big Brother virtuale: si può andare sulla pagina da leggere e lasciarla aperta mentre si fa altro, o sfogliare un capitolo senza leggerlo davvero, sottolineando parti a caso.

Tutti a scuola nei diversi paesi del mondo: le foto

I dati raccolti serviranno anche agli editori per capire quali sono i testi più apprezzati e le parti da sistemare per l'edizione successiva. L'esperimento potrebbe sollevare una serie di interrogativi legati alla privacy degli utenti, ma il tracciaggio delle abitudini dei lettori - e delle nostre preferenze di navigazione sul web - è già un'operazione largamente effettuata da giganti come Amazon e Google.

Notizie, curiosità e numeri sugli e-book

18 Aprile 2013 | Elisabetta Intini