Scuola e Università

Come vediamo le notizie

Spesso quello che vediamo e ascoltiamo in televisione non corrisponde a quello che pensa il nostro cervello.

Come vediamo le notizie
Spesso quello che vediamo e ascoltiamo in televisione non corrisponde a quello che pensa il nostro cervello.

Una famiglia davanti al televisore; le condizioni di visioni influenzano la nostra percezione.
Una famiglia davanti al televisore; le condizioni di visioni influenzano la nostra percezione.

Spesso i nostri occhi vedono le notizie, ma il nostro cervello le interpreta in maniera diversa. È quello che afferma Tom Grimes, ricercatore di una scuola di giornalismo dell'università del Kansas. Secondo lui, la gente tende a usare stereotipi per giudicare le notizie che vede, e spesso capita che le capisca esattamente al contrario.
Per fare un esempio, se vede un poliziotto nero arrestare un criminale bianco (la ricerca è stata ovviamente condotta negli Stati Uniti) nel ricordo può darsi che sia un poliziotto bianco ad arrestare il criminale nero.
La scoperta risale a qualche anno fa, ma Grimes, insieme a Jeff Gibbons e Rod Vogl, laureati in psicologia, ha approfondito il fenomeno, e ha scoperto che si potrebbe anche contrastare utilizzando quello che gli psicologi chiamano “elaborazione semantica”, cioè indurre gli spettatori a pensare a quello che vedono e ascoltano, in modo che ricordino meglio quello che la televisione trasmette. È inoltre più difficile per gli spettatori fraintendere la notizia, se prima del filmato di quanto è accaduto si mostra loro la faccia del criminale coinvolto.

(Notizia aggiornata al 24 aprile 2003)

22 aprile 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us