La festa della mamma: foto e curiosità

In occasione della festa della mamma, ecco una serie di stranezze, foto e curiosità da tutto il mondo su mamme e bebè: poppate di gruppo, baby-yoga, incontri di sumo per neonati… cosa non si farebbe per far crescere i propri pargoli sani e forti! Festa della mamma: perché è oggi?

hkg532328200577111917_8spl_m82005272005414171610_5reu_rtr1p4602006427112317_5reu_rtxe6mz_webbabyandhelmetmedium-7962842003111116426_5reu_rtxd83y_webApprofondimenti
hkg532328

Dura la vita dei neonati. La pensano probabilmente così i bimbi cinesi ritratti nella foto che si sono trovati ad affrontare i loro primi esercizi di stretching. Proprio mentre si stavano riprendendo dal trauma post parto.
Tutto questo per amore del baby yoga, i cui benefici, però, pare siano reali: allunga e potenzia i muscoli, aiuta i piccoli a migliorare la capacità di coordinamento spaziale e rafforza ulteriormente il naturale legame con la madre. Sono proprio le mamme a guidare i neonati nelle più semplici posizioni della disciplina, e sembra proprio che i bambini apprezzino questo tipo di massaggio.
Ma cosa ci fanno allora appesi a testa in giù? Alcuni particolari esercizi di yoga, come questo, servono a sciogliere le articolazioni delle ginocchia e a favorire il corretto sviluppo delle ossa del bacino. Cosa non si farebbe, per la salute…

200577111917_8

Gli effetti della musica sui bambini appena nati e sulle donne incinte sono stati oggetti di numerosi studi scientifici. Alcuni ricercatori sono convinti che aiuti lo sviluppo dell'udito, migliori le capacità intellettive del nascituro e nel caso di neonati prematuri faciliti il recupero del peso forma. Per ora, però, l'unico effetto realmente provato è quello calmante, sia sui feti sia sui bebè (vedi fotogallery).
Mozart e Vivaldi sono i più apprezzati ed "efficienti": la loro musica regolarizza la frequenza cardiaca e attenua i movimenti scoordinati. Per questo motivo - e per non farli piangere - in una clinica privata di Kosic, in Slovacchia, i neonati passano i primi giorni di vita ascoltando musica barocca. Altri tipi di musica, soprattutto quella rock, è sconsigliata. Almeno a quell'età.

spl_m8200527

Il pesce azzurro è sempre stato altamente consigliato nell’alimentazione grazie al suo prezioso contenuto di omega 3 e omega 6, grassi polinsaturi famosi per il loro benefico effetto su cuore e arterie.
Recenti studi però mettono in guardia soprattutto le donne in gravidanza sull’eccessivo quantitativo di mercurio, immagazzinato in questo genere di pesci, che potrebbe essere collegato a parti prematuri (nella foto, il piede di un bambino nato alla 23esima settimana).
L'esperimento, condotto su oltre un migliaio di gravidanze, ha rivelato come l’incidenza di parti prematuri (prima della 35sima settimana) aumentasse proprio tra le donne che presentavano elevati livelli di mercurio (altamente correlati proprio al consumo di pesce azzurro).

2005414171610_5

Il vostro bambino vi fa passare notti insonni? Ebbene un team di ricercatori ha indagato le cause del pianto (notturno) dei bambini e stilato qualche consiglio per genitori sull'orlo di una crisi di nervi. Se spostate il bambino dalla stanza in cui mangia al lettino, nel percorso è probabile che il bimbo pianga. Se il piccolo fa i suoi sonnellini in una stanza diversa da quella in cui passa la notte, diventerà uno strillatore notturno formidabile. Motivi? Ansia e disorientamento provocati, ad esempio, dal dormire in una stanza "nuova". Sembra invece che non influisca sul suo sonno il dormire con mamma e papà o solo soletto. Il sonno disturbato non sfianca solo i genitori ma rende il bambino più predisposto a eczemi cronici e al digrignamento dei denti.
Nella foto, un bimbo su una foglia di ninfa dell'Amazzonia (Victoria amazzonica).

reu_rtr1p460

Se il vostro bambino piange in continuazione, potreste forse iscriverlo al “Baby-cry sumo”, una bizzarra competizione che si tiene ogni anno in Giappone.
Due lottatori di sumo si fronteggiano tenendo in braccio un pargolo ciascuno: vince chi piange più forte. Non è chiaro come scatti la prima lacrima. Ma non è difficile immaginare quanto l’assenza della mamma, i due enormi baby-sitter e la presenza del pubblico possano inquietare i piccoli.
Quella che potrebbe sembrare una goliardata è, in realtà un rito propiziatorio, che si svolge, solitamente, presso un tempio. Si pensa, infatti, che il pianto dei bambini sia di buon auspicio per la loro salute e che li faccia crescere sani e forti, come i loro “padrini”…
Chissà se poi un po' di baby-yoga, come quello praticato in Cina, sarebbe utile a calmare i due piccoli "lottatori".

2006427112317_5

Il 60 per cento dei neonati "a termine" (nati cioè alla giusta scadenza) soffre di ittero neonatale, percentuale che arriva al 100 per cento per i prematuri. La comparsa del tipico colorito giallino è dunque molto frequente ed è dovuta al deposito su cute e mucose visibili (come quelle dell'occhio) di bilirubina, il prodotto di scarto derivato dall'emoglobina, la proteina che serve a trasportare l'ossigeno nel sangue
A causare l'ittero, generalmente innocuo, è il fegato del piccolo che non è ancora in grado di eliminare la bilirubina con la bile (operazione compiuta dalla madre tramite la placenta nella vita fetale). Inoltre il neonato produce più bilirubina di un adulto perché ha più globuli rossi (di cui è il residuo). L'esposizione a un'intensa luce blu (fototerapia) serve a far degradare la bilirubina in una forma non tossica.

reu_rtxe6mz_web

Altro che prima fila, questa bambina si è goduta un concerto di musica classica direttamente appollaiata sulle ginocchia di un orchestrale! E nessuno ha protestato per l’audacia della piccola. L’esibizione, infatti, è riservata a baby spettatori dai 3 mesi ai 5 anni d’età. Vietato restare al proprio posto, il giovanissimo pubblico è caldamente invitato a gattonare tra gli strumenti, muovendosi sulle note di un repertorio di tutto rispetto, che spazia da Bach a Schubert. Scopo dello spettacolo - promosso dagli artisti della compagnia portoghese Musicalmente - è avvicinare i bebè al mondo della musica.
E chissà che tra loro non si nasconda qualche futuro compositore…
C'è anche chi ai concerti ci va per dormire
Hai mai visto una tromba di ghiaccio?

[E. I.]


babyandhelmetmedium-796284

Il Biomedical Optics Research Laboratory dello University College di Londra ha sviluppato una tecnica non invasiva per monitorare le funzioni cerebrali di neonati o bambini prematuri di cui specialmente è necessario scongiurare eventuali deficit.
La tomografia ottica è in grado di fornire una mappa 3D della circolazione sanguigna e di dire quanto sia ossigenato il sangue: queste informazioni potranno essere utili in futuro anche per conoscere meglio le modalità di sviluppo dei tumori, per esempio, o per osservare l’uso dei muscoli.

2003111116426_5

La tecnica delle immagini ecografiche si affina sempre più e da qualche tempo si parla di immagini 3D (nella foto) e addirittura 4D usate specialmente nella diagnostica ginecologica e prenatale.
L'ecografia deriva da tecniche di ricognizione adottate durante la Prima guerra mondiale con le quali si rilevavano eventuali sommergibili marini. In seguito queste metodiche furono utilizzate nella pesca, per intercettare banchi di pesci, e in geologia, per verificare la conformazione degli strati della crosta terrestre.

reu_rtxd83y_web

Conciliare famiglia e carriera non sembra un problema per Hanne Dahl, deputata danese. Sua figlia si è goduta la mamma sui banchi del Parlamento Europeo, mentre probabilmente si discuteva anche di questioni che la riguardano. In questi giorni è infatti al vaglio una nuova legge europea sulla maternità e sui problemi delle neomamme. 
Nei Paesi europei le lavoratrici sono in aumento e secondo le previsioni nel 2010 saranno il 60% della popolazione femminile adulta. In Italia siamo al di sotto della media con il 47% (dati Istat). Considerando anche che il 13% delle italiane lascia il lavoro per la maternità e dopo non riescono più a trovarne uno.
Cosa che forse non succede alle donne inglesi, convinte che le mamme che lavorano siano un buon modello per i figli e che, nonostante la fatica e i sacrifici, sia importante mantenere l'impiego. Almeno questo è quello che emerge da un recente sondaggio online (Mumsnet).

Dedicato a tutte le mamme nel giorno della loro festa (guarda)

[E. I.]

Dura la vita dei neonati. La pensano probabilmente così i bimbi cinesi ritratti nella foto che si sono trovati ad affrontare i loro primi esercizi di stretching. Proprio mentre si stavano riprendendo dal trauma post parto.
Tutto questo per amore del baby yoga, i cui benefici, però, pare siano reali: allunga e potenzia i muscoli, aiuta i piccoli a migliorare la capacità di coordinamento spaziale e rafforza ulteriormente il naturale legame con la madre. Sono proprio le mamme a guidare i neonati nelle più semplici posizioni della disciplina, e sembra proprio che i bambini apprezzino questo tipo di massaggio.
Ma cosa ci fanno allora appesi a testa in giù? Alcuni particolari esercizi di yoga, come questo, servono a sciogliere le articolazioni delle ginocchia e a favorire il corretto sviluppo delle ossa del bacino. Cosa non si farebbe, per la salute…