Il "supermercato" che studia i clienti
Sembra in tutto e per tutto un supermercato, ma in realtà è un laboratorio che studia cosa guarda un cliente mentre fa la spesa. Ecco come fanno gli scienziati che ci lavorano e qual è il loro obiettivo.
Chi non mangia in compagnia...
Si mangia di più e più volentieri insieme ad amici e familiari: sembra una banalità, ma c'è una ragione evolutiva.
Il colore delle emozioni
Se dico "rosso" per quando sono arrabbiato, sono cinese, tedesco o greco? Una macchina lo sa.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

15 cose che non sai sulle macchie di Rorschach
Dimmi cosa vedi, e ti dirò chi sei.
Il segreto delle macchie di Rorschach
Il potere evocativo delle sagome di inchiostro, interpretabili come figure di diverso tipo, dipende dalla loro semplicità: meno sono complesse, più è facile che evochino forme familiari.
Quanto è affidabile la memoria fotografica?
È davvero possibile fermare i ricordi come se fossero i dettagli di una Polaroid? Ci sono persone capaci di una così vivida capacità di osservazione e, poi, di rievocazione?
L'amore? Per il cervello, è come una sbronza
L'effetto dell'ossitocina somiglia da vicino a quello di una sonora bevuta: disinibisce, ma rende aggressivi. Una ricerca sui "lati oscuri" dell'ormone dell'amore.
La scienza del rimorchio: 10 consigli semiseri
Esiste una ricetta per fare colpo sull'altro sesso? In tutto il mondo scienziati e ricercatori studiano che cosa fa scattare (o meno) la scintilla. Ecco cosa hanno scoperto
Le parole della felicità
La Wikipedia delle emozioni positive: un glossario di parole intraducibili, cariche di sfumature in cui riconoscersi, prese in prestito da altre culture. Un progetto in costante aggiornamento.
Dimenticare: lo scopo del sonno
Dormire è il prezzo che paghiamo per avere un cervello plastico e in grado di imparare nuove cose ogni giorno: la conferma in uno studio quadriennale compiuto sui topi.
Perché alcuni suoni risultano insopportabili
Dietro alla scarsa tolleranza ad alcuni rumori c'è un affaticamento cerebrale dovuto a un "super lavoro" delle regioni responsabili di attenzione e risposta emotiva.