Perché gli uomini non trovano mai le cose?
Non è un luogo comune: gli uomini fanno più fatica delle donne a trovare ciò che cercano. La colpa? Della diversa "visione periferica" nei due sessi.
L'empatia? Troppa fatica...
Calarsi nei panni dell'altro richiede uno sforzo notevole, anche quando le emozioni in gioco sono positive: è questa la motivazione dell'indifferenza, più ancora delle questioni economiche.
Guardarsi negli occhi? Non sempre è buon segno
Altro che segno di sincerità o di onestà: se qualcuno ci guarda negli occhi mentre ci parla, non è detto che abbia buone intenzioni...

 
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Come liberarsi di una canzone invadente
Tutti noi abbiamo dei tarli musicali - delle canzoni - che frullano per la testa e non se ne vanno. Come farli a scacciarli? Secondo gli scienziati ci sono almeno 2 metodi.
Il cervello sotto LSD: un nuovo stato di coscienza
Le droghe psichedeliche inducono una tipologia di attività neurale mai osservata finora: più casuale e meno prevedibile di quella tipica del sonno, ma diversa da quella della veglia.
La voglia di correre è contagiosa (per gli uomini)
Se stasera andrete a correre è probabile che parte dello "slancio" derivi dall'aver visto qualcuno dei vostri amici che vi ha preceduto. Soprattutto se non è un tipo propriamente sportivo...
Quel vestito appare diverso se fai tardi la sera
Ricordate la foto di "The Dress", quell'abito che qualcuno vedeva blu e nero, qualcun altro bianco e oro? Ora c'è una nuova teoria sul perché delle diverse percezioni.
25 trucchi scientifici per essere più creativi
Dal fare la valigia all'aspettare che sia sera, dalla scelta dei colleghi ad alcune rivoluzioni del pensiero: alcune strategie per liberare il genio che è in voi, in attesa che si accenda la famosa "lampadina".
Le persone creative vedono il mondo diversamente
La curiosità e la tendenza ad aprirsi a nuove esperienze sembrano connesse a un'esperienza percettiva diversa da quella comune. Il cervello "vede" possibilità che di solito sfuggono.
Mi ascolti o fai finta?
Senza che ce ne accorgiamo, le nostre pupille si dilatano in sincronia con quelle dell'interlocutore: soprattutto nei momenti più emozionanti di un discorso, quando l'empatia è massima.
La scienza della fila
Numerosi studi e ricerche dimostrano che accorciare le file, o almeno renderle più efficienti, è possibile. Ma anche che saltare la fila può essere tollerato (a vostro rischio e pericolo).