Dal sesso all'arte: 5 attività da sonnambuli
Quello dei sonnambuli che, durante il sonno, si limiterebbero a camminare, è solo un cliché. Durante questa "attività automatica" notturna, c'è infatti anche chi parla, fa sesso, dipinge e... uccide.
Un volto inclinato facilita le interazioni sociali
La diversa angolazione del capo fa sì che ci si concentri di più sugli occhi e rende più rassicurante il contatto visivo: uno studio utile anche per comunicare con chi soffre di autismo.
Che cosa rivelano di noi i regali di Natale
Dimmi che regalo di Natale fai e ti dirò chi sei: egocentrico, riciclatore, ritardatario... Ecco 10 profili di donatore ricostruiti da psicologi ed economisti.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

7 cose che (forse) non sai sul bullismo
Dalla sorprendente etimologia di bullo alle ricerche scientifiche, che sfatano molti luoghi comuni su un fenomeno che, secondo l'Istat, riguarda un ragazzino su due.

 
L'immaginazione può davvero liberarci dalla paura
Immaginare un suono associato a un'esperienza traumatica in condizioni di sicurezza è efficace quanto l'esposizione al suono stesso, nell'estinguere il ricordo spiacevole. 
Perché il caffè non dovrebbe piacerci
In natura, il riconoscimento del sapore amaro si è evoluto per proteggerci da sostanze tossiche e velenose. Come mai allora l'amaro dell'espresso è, per molti, irresistibile?
Depressione post partum e sistema immunitario
Un'infiammazione nelle regioni cerebrali che regolano l'umore in seguito a gravidanze difficili sembrerebbe legata ai sintomi della condizione che interessa il 15% delle neomamme.
Come nascono i falsi ricordi?
La memoria non è un magazzino impermeabile ma un film in continuo rifacimento. E spesso esperienze che diamo per vissute non sono mai avvenute, o si sono consumate in modo diverso.
Esiste una gerarchia universale per i sensi umani?
Probabilmente no: l'importanza attribuita a vista, udito, tatto, gusto e olfatto non dipende da fattori biologici ma varia in base alla cultura di appartenenza e al linguaggio.
Un'app per scoprire la depressione
L'idea è di una startup californiana: una app che cerca i sintomi della depressione  nel modo in cui usiamo lo smartphone. La comunità scientifica però è (quasi tutta) scettica...
Le migliori illusioni ottiche del 2018
Dieci scherzi percettivi da perderci la testa: i vincitori del concorso Best Illusion of the Year.