Perché gli uomini non trovano mai le cose?
Non è un luogo comune: gli uomini fanno più fatica delle donne a trovare ciò che cercano. La colpa? Della diversa "visione periferica" nei due sessi.
L'empatia? Troppa fatica...
Calarsi nei panni dell'altro richiede uno sforzo notevole, anche quando le emozioni in gioco sono positive: è questa la motivazione dell'indifferenza, più ancora delle questioni economiche.
Guardarsi negli occhi? Non sempre è buon segno
Altro che segno di sincerità o di onestà: se qualcuno ci guarda negli occhi mentre ci parla, non è detto che abbia buone intenzioni...

 
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Perché invecchiamo, secondo i bambini
Per i piccoli in età prescolare c'è un trucco semplicissimo per restare giovani: basta stare alla larga dalle feste di compleanno...
Facebook fa male alla salute?
Sì, e lo ha ammesso lo stesso Facebook.
Perché non rinunciamo alle tradizioni natalizie
Che abbiate lo spirito del Grinch o siate attivi come folletti; che stiate facendo le cose in grande o "giusto un pensiero": difficilmente rinuncerete ad alcuni punti fermi di queste festività.
Meno calorie potrebbero rendere più lucidi
Chi si sottopone a diete e digiuni controllati spesso dice di sentirsi più "lucido" a livello cognitivo. Uno studio sui topi offre una possibile spiegazione (che non è detto valga anche per l'uomo).
Queste linee sono curve o a zigzag?
Alcune vi sembrano più spigolose, e altre più simili ad onde? La realtà è un po' diversa da come appare: una sorprendente illusione ottica scoperta da un ricercatore giapponese.
Sentite l'audio in questa GIF?
Vi sembra di udire il rumore di un rimbalzo, quando i tralicci toccano terra? È un'illusione percettiva piuttosto comune: eccola spiegata.
Che cosa ci spinge a ordinare al ristorante
I font, la posizione dei piatti, le descrizioni prolisse: i segreti del menu engineering, la scienza che progetta i menu dei ristoranti per sedurci.
Più intelligenti grazie a "iniezioni" di dopamina
Nel nostro cervello questo neurotrasmettitore è presente in dosi più generose che in quello di scimpanzé, bonobo e gorilla. Potrebbe aver dato "la spinta" alle funzioni cognitive umane.