L'amore e il suo ormone sono complicati
Diffidate dai titoli iperbolici da San Valentino: il ruolo dell'ossitocina, il cosiddetto ormone dell'amore, è ricco di sfumature che soltanto adesso iniziano a emergere.
Gli schemi neurali caratteristici della coscienza
Una collaborazione internazionale prova a fare luce su una delle più grandi domande irrisolte delle neuroscienze: che aspetto ha la coscienza, nel cervello?
Un traduttore di pensieri in parole
Una tecnologia che abbina sintetizzatori e intelligenza artificiale converte le onde cerebrali della corteccia uditiva in parole . Il sogno? Fare altrettanto con i discorsi soltanto immaginati.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

La verità sugli esperimenti shock di Milgram
L'essere umano è fatto per obbedire agli ordini, a tutti i costi? Un celebre esperimento di psicologia sociale ci ha fatto a lungo credere che sia così. Ma la natura umana è più ribelle, solidale e complessa.
L'Lsd attenua i confini tra sé e gli altri
L'Lsd sembra appianare i confini tra le esperienze soggettive e quelle altrui: una proprietà interessante per chi studia il trattamento di disturbi come schizofrenia o depressione.
I bambini ragionano prima di imparare a parlare
Nei bimbi di poco più di un anno la mente consente già di fare deduzioni logiche e di capire se, in un ragionamento, c'è qualcosa che non torna.
Quando impara, il cervello fa "meglio che può"
Nell'apprendere nuovi compiti, il nostro cervello adatta schemi che ha già a disposizione, prima di trovare la soluzione ottimale.
Empatia: un po' dipende anche dai geni
La genetica contribuisce al 10% delle differenze tra individui più o meno empatici, il resto dipende dall'educazione. Così, in ogni caso, potete dare la colpa ai vostri genitori.
La cultura di origine falsa gli studi psicologici
Molti comportamenti considerati universali sono stati in realtà studiati su volontari occidentali e poco rappresentativi della complessità di tutti gli umani.
Sinestesia: l'origine è nei geni
Una ricerca svela qualcosa sui meccanismi biologici alla base di questo singolare fenomeno percettivo.
Déjà-vu e premonizione: come funziona
Questo scherzo della memoria non solo ci dà l'impressione di aver già vissuto una scena, ma anche di sapere come andrà a finire: anche questa seconda sensazione è del tutto fasulla.