I bambini di oggi più pazienti che in passato?
Lo suggerisce uno studio sul famoso "marshmallow test", in cui i ricercatori misurano la capacità di resistere alla tentazione di un dolcetto a portata di mano. I piccoli di oggi ce la fanno meglio di quelli di cinquant'anni fa.
Il primo ricordo: falso, per 4 persone su 10
Per la scienza è impossibile ricordare qualcosa che preceda i primi due anni di vita: eppure, quasi il 40% degli adulti è convinto di avere memoria di alcuni episodi, persino nella culla. Uno studio spiega come si generano queste impressioni fittizie.
Ansia e intelligenza: individuati nuovi geni
Due diversi studi hanno individuato centinaia di geni connessi da un lato a brillanti doti cognitive (ma anche ad autismo e depressione), dall'altro alla tendenza a preoccuparsi.
Come la musica aiuta il linguaggio
Secondo una ricerca, lo studio precoce della musica favorisce la capacità di elaborare i suoni, alla base delle abilità linguistiche.

Come vengono girate

 

le scene di SESSO 
 

dei FILM?

ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Stimolare il cervello contro i crimini violenti
Una tecnica per modulare l'attività elettrica di un'area del cervello sembra ridurre la frequenza di intenzioni aggressive: se dovesse funzionare, sarebbe lecito usarla?
In sala operatoria i maschi litigano di più
Nelle équipe in cui il chirurgo è di sesso opposto alla maggioranza del team c'è più spazio per la collaborazione, e meno per i conflitti.
Predire il QI da una scansione cerebrale
Osservando il funzionamento del cervello a riposo è possibile spiegare il 20% della variabilità tra soggetti nei punteggi nei test di intelligenza.
I creativi sognano di uccidere
Nei loro incubi finiscono più spesso per commettere un omicidio, lottando anziché scegliere la fuga: una correlazione inaspettata, indagata in due studi pilota.
Tutto è relativo, anche il nostro giudizio
Gli inganni del pensiero in uno studio sui "bias", i pregiudizi che guidano la nostra percezione.
La parità di genere passa (anche) dal cognome
Gli scienziati maschi famosi sono più spesso citati soltanto per cognome: una prassi che li fa percepire come più prestigiosi e meritevoli di riconoscimenti. E che si estende anche ad altre professioni.
Internet alimenta bufale e complottismi?
La diffusione di teorie infondate e cospirazioniste è da attribuire alla Rete? Non nel modo in cui pensiamo: se le fake news esistono da millenni, il web contribuisce però a polarizzare le opinioni.
Perché in auto ci scaccoliamo il naso?
Infilarsi le dita nel naso è un comportamento (entro certi limiti!) normale: ecco perché accade e perché, spesso, proprio mentre siamo al volante.