Psicologia

Fatica da Zoom: ecco perché le videochiamate ci stressano

Manna e maledizione di questo periodo di lockdown, le videochiamate possono essere una modalità di interazione molto impegnativa. Ecco perché.

Siano benedette le videochiamate, surrogato di interazione sociale ai tempi della COVID-19. Ma se alla terza riunione su Zoom (o WhatsApp, Skype, GoToMeeting...) della giornata vi sentite sopraffatti non temete, siete in ottima compagnia. L'affaticamento da videocall è talmente reale e diffuso che è stato coniato un termine per definirlo: Zoom fatigue. Vediamo da che cosa dipende.

Povertà di segnali non verbali. Nelle interazioni di persona facciamo affidamento non solo alle parole, ma anche a una serie di segnali non verbali (direzione dello sguardo, espressioni facciali, gesti delle mani) che completano il discorso parlato e forniscono un feedback su come la pensa l'interlocutore. Nelle videochiamate questo corollario è spesso assente o distorto, per il ritardo del segnale, la presenza di più partecipanti, l'illuminazione scadente, webcam a bassa risoluzione, la connessione lenta: tutto questo rende molto più difficile e stancante percepire e mandare il giusto messaggio.

Scelta obbligata. Come spiega un articolo su IFLScience, un ulteriore elemento di stress potrebbe derivare dalla dissonanza cognitiva, la tensione o sensazione di disagio che proviamo quando le nostre convinzioni sono in contrasto, stridono tra loro. In questo caso da un lato, sappiamo che le videochiamate sono un utile strumento per entrare in comunicazione con i colleghi, gli amici o i familiari. Dall'altro, al momento non abbiamo alternative e siamo spesso obbligati ad usarle anche quando ne faremmo a meno. Questo contrasto può generare stress e disaffezione verso il mezzo.

Sotto pressione. C'è infine il fattore "performance". Come ciascuno di noi ha avuto modo di constatare, le videochiamate ci raggiungono quando siamo spettinati, in pigiama, di cattivo umore, con la casa in disordine, o dopo 15 ore passate davanti a un device per il telelavoro e la didattica online. Il dover apparire presentabili in un periodo in cui ci sentiamo già sotto pressione, mentre lo schermo restituisce in modo impietoso anche la nostra immagine, ci mette a disagio, ci fa comportare in modo poco spontaneo e distrae dal senso profondo della conversazione. Torneremo a parlarci guardandoci in faccia. Nel frattempo, provate ad alternare alle videochiamate le telefonate tradizionali. E concedetevi qualche momento lontani da smartphone e pc.

3 maggio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us