Psicologia

Il vaccino causa mutazioni genetiche? Che sciocchezza!

Un'idea assurda, quella sul vaccino anti-covid a mRNA, figlia della cattiva informazione che circola su Internet e su pessimi giornali e canali tv.

Nessun altro avvenimento della storia recente ha spinto tanto la ricerca scientifica e la nascita di nuove tecnologie, quanto la pandemia responsabile della CoViD-19. La celerità che ha caratterizzato la ricerca di base permettendoci di conoscere le caratteristiche strutturali, evolutive ed epidemiologiche di SARS-CoV-2 è la stessa adottata per lo sviluppo di strategie preventive, prime tra tutti i vaccini, assecondata anche da una volontà legislativa che ne ha ridotto i tempi di sperimentazione (Jeyanathan et al., 2020).

Lo sviluppo di vaccini a base di acidi nucleici (RNA) è figlio di questo periodo: un modo innovativo, più veloce e sostenibile di creare vaccini. Ma, come ci insegna la storia, la nascita di una nuova tecnologia è spesso accompagnata da paura. E ancora una volta, sfruttando un naturale momento di incertezza, mitomani e negazionisti, armati di nulla se non della loro grossa ignoranza scientifica, sfidano l'intelligenza e il sapere dichiarando che la strategia vaccinale diretta a debellare il SARS-CoV-2 basata sull'utilizzo di piccole molecole di RNA sia pericolosa perché in grado di modificare il genoma umano.

Niente di più FALSO!

Come sono fatti tali vaccini e come funzionano? Una volta individuata la regione del virus capace di attivare la risposta immunitaria tramite la formazione di anticorpi neutralizzanti, la ricerca di un vaccino si è mossa usando varie strategie. Al momento in cui scriviamo (22 dicembre) ci sono 166 candidati vaccini in fase di sviluppo preclinico e 57 in fase di sperimentazione clinica (fonte: WHO), sviluppati seguendo diversi approcci.

In sintesi, sono i tradizionali vaccini a base virale (virus inattivato, virus attenuato o vaccino basato su particelle virali simili); i vaccini che utilizzano alcune proteine espresse dal virus (o proteine ricombinanti); e, per la prima volta, vaccini basati sull'utilizzo di acidi nucleici (DNA e mRNA) (Jeyanathan et al., 2020). Quest'ultimo approccio, anche se mai utilizzato prima, non è nuovo alla scienza e già discusso da una decina di anni (Koirala et al., 2020).

Il concetto che ne è alla base è molto semplice. Una piccola molecola di RNA (chiamata RNA messaggero, mRNA), che contiene l'informazione per la produzione della proteina virale spike, responsabile dell'aggancio del SARS-CoV-2 alla cellula ospite (Buchholz et al., 2004), viene introdotta in un individuo inglobata in un involucro di lipoproteine (lipid nanoparticles, LNP) che fungono da trasportatori (Sahin et al., 2020). Una volta dentro la cellula, l'mRNA viene liberato e la sua informazione, tradotta in amminoacidi, costituirà la proteina spike (Jackson et al., 2020).

La spike così prodotta verrà rilasciata al di fuori della cellula produttrice e verrà riconosciuta come estranea dalle cellule del sistema immunitario, le quali attiveranno la produzione di anticorpi per neutralizzarla (Sahin et al., 2020). Tali anticorpi rimarranno poi nella memoria del sistema immunitario e proteggeranno da eventuali infezioni future.

I vaccini di questo tipo rappresentano un gran passo in avanti nella ricerca farmaceutica: sono efficaci poiché capaci di indurre una forte risposta immunitaria; sicuri, in quanto caratterizzati da assenza di potenzialità infettive; facili e veloci da produrre, tramite sintesi in laboratorio, e sostenibili. Ma essendo le molecola di RNA fragili e instabili per propria natura (per svolgere al meglio la loro funzione cellulare), necessitano di essere mantenuti a temperature molto basse (da -20 a -70 °C) (Kaur & Gupta, 2020; Koirala et al., 2020).

Perché siamo certi che la modifica del patrimonio genetico è un evento impossibile, oltre che assurdo? L'idea che possano creare mutazioni o inserirsi nel genoma delle persone che si sottoporranno alla vaccinazione è del tutto infondata perché la molecola di mRNA è processata nel citoplasma, non nel nucleo cellulare (dove è presente il DNA), e successivamente viene degradata, quindi non c'è alcun rischio di interazione o integrazione con il genoma della cellula ospite (Kaur & Gupta, 2020).
 
----------
L'Osservatorio della cattiva Scienza è una rubrica a cura di Simone Di Giacomo e Simona Paglia, biologi del Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell'Università di Bologna.

26 dicembre 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us