Psicologia

Vacanze finite: perché arriva (sempre) la sindrome da rientro?

Dopo le vacanze un italiano su due lamenta stanchezza, ansia, difficoltà di concentrazione. Tutto normale: il corpo e la mente si devono riadattare alla vita di tutti i giorni. Ma come aiutarli?

Ci risiamo: come ogni anno, appena si torna a casa dalle vacanze, e si cerca di riprendere la vita di tutti i giorni, ci sentiamo più stanchi di prima della partenza. Ma come? Non eravamo andati - appunto - in vacanza? E poi, alla stanchezza si aggiunge anche ansia, tristezza e, soprattutto, difficoltà di concentrazione. Passerà in pochi giorni: non si tratta di depressione ma della cosiddetta sindrome da rientro, ovvero di un disturbo dell'adattamento perché il nostro corpo e la nostra mente, dopo un periodo di riposo, divertimento e relax, faticano a riabituarsi ai ritmi consueti. 

Siamo in buona compagnia: la sindrome da rientro colpisce puntualmente un italiano su due, per lo più fra i 25 e i 45 anni di età. E per gli americani, stando ai risultati di un'indagine Usa, il disagio di adattamento è talmente pesante che, per il 43% di loro, solo l'idea di tornare alla routine è sufficiente a rovinare le ferie o a far addirittura venire voglia di rinunciarci del tutto.

Due giorni di adattamento. Secondo gli esperti, però, un rientro meno traumatico è possibile: per esempio lasciandosi uno o due giorni "cuscinetto" liberi dal lavoro, utili per riprendere il ritmo con più calma e abbassare i livelli di stress. Inoltre, una volta tornati a casa, sarebbe meglio sbrigare le commissioni e le incombenze più leggere nei primi giorni. Anche evitare di tornare alla vita sedentaria, aiuta: una buona dose di attività fisica quotidiana, anche una semplice camminata, migliora l'umore. E infine, riprendere a seguireuna dieta equilibrata: non solo per perdere un po' di peso accumulato in estate, ma perché mangiare cibi sani fa bene anche al cervello. 

21 agosto 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us