Psicologia

La protesi per potenziare la memoria

Un impianto a base di elettrodi cerebrali sembra migliorare l'abilità di ricordare, perché imita la naturale attività di codifica delle esperienze nel cervello.

Il funzionamento della prima protesi per la memoria è stato illustrato durante un recente meeting della Society for Neuroscience, a Washington. È un impianto cerebrale che simula gli schemi di attività elettrica associati alle migliori performance mnemoniche potenzia la capacità di ricordare anche del 25%.

Dong Song (dip. di ingegneria biomedica, Università della California) ha testato il dispositivo su 20 volontari che avevano già elettrodi impiantati nel cervello per il trattamento dell'epilessia - per superare, in questa fase di studio, la questione del "fissaggio" del dispositivo, che è un'operazione invasiva.

Non ti scordar di me: 11 storie di amnesia. © Shutterstock

Fase 1: copiare. Per prima cosa, l'impianto ha registrato l'attività cerebrale dei volontari impegnati in compiti di memoria a breve termine (la capacità di tenere a mente per pochi istanti un numero limitato di informazioni) e di memoria di lavoro: quest'ultima incorpora quella a breve termine e usa le informazioni ritenute in questa sorta di "magazzino temporaneo" per costruire ragionamenti più complessi.

Fase 2: potenziare. Gli scienziati hanno individuato lo schema di attività elettrica associato ai migliori risultati mnemonici e hanno usato gli elettrodi per riprodurlo artificialmente nel cervello dei partecipanti durante i test successivi. In particolare, le piccole scosse elettriche sono state somministrate all'ippocampo, una regione essenziale per l'apprendimento e la ritenzione dei ricordi. Questa stimolazione ha migliorato i compiti di memoria a breve termine del 15% e la memoria di lavoro del 25% circa.

Futuro. «Stiamo scrivendo il codice neurale per incrementare la funzionalità mnemonica», ha dichiarato Song al New Scientist, aggiungendo che simili impianti potrebbero un giorno servire a potenziare altre facoltà, per esempio nell'ambito della visione o del movimento. Un'altra possibilità è che un giorno si possano impiegare per supplire ai deficit mnemonici di pazienti affetti da demenze, come la malattia di Alzheimer.

15 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us